Quantcast

Una Cuneo non al 100% sfida Conegliano nei quarti di finale di Coppa Italia

Le Gatte, autorizzare a partire dopo lo screening Covid di ieri mattina, si sono allenate poche nell'utlimo periodo a causa della quarantena imposta dalla positività di quattri membri del gruppo squadra cercano contro Egonu e compagne di ritrovare il ritmo partita in vista dell'inizio del girone di ritorno.

Un quarto di Coppa Italia per chiudere il 2021: dopo il rinvio del match di campionato del 26 dicembre causa Covid-19, la Bosca S.Bernardo Cuneo riparte dal Palaverde di Villorba, dove questa sera alle ore 18:00 (diretta streaming su www.volleyballworld.tv) affronterà la Prosecco DOC Imoco Volley Conegliano nei quarti di finale in gara secca della Coppa Italia Frecciarossa. Una sfida proibitiva per le gatte, che scenderanno in campo in assetto rimaneggiato, senza le quattro giocatrici ancora positive al Covid-19. Per la Bosca S.Bernardo Cuneo si tratta della seconda apparizione ai quarti di Coppa Italia: la prima fu nella stagione 2018/2019, quando le cuneesi vennero eliminate nella doppia sfida con l’Igor Gorgonzola Novara di Paola Egonu.

Lo screening eseguito sul gruppo squadra nella mattina di mercoledì 29 ha dato il via libera alla partenza alla volta di Conegliano per disputare giovedì 30 il quarto di finale della Coppa Italia Frecciarossa Serie A1. Sarà giocoforza una partita molto diversa dal Derby delle bollicine dello scorso 14 novembre, in cui le gatte strapparono un punto alle pantere con una prova da applausi. La Bosca S.Bernardo Cuneo che si presenterà al Palaverde per il confronto che vale un posto alle Finali Coppa Italia Frecciarossa in programma a Roma mercoledì 5 e giovedì 6 gennaio 2022 è una formazione che, dopo la vittoria casalinga con Perugia dello scorso 18 dicembre, si è allenata a ranghi ridotti e a bassa intensità a causa dei casi di Covid-19 che hanno colpito il gruppo squadra. Il quarto di finale con Conegliano, già assai impegnativo di per sé, deve dunque essere considerato come un’occasione preziosa per ritrovare il ritmo gara e per testare alcune soluzioni alternative che potrebbero rivelarsi utili nel girone di ritorno, che per la Bosca S.Bernardo Cuneo inizierà a Roma domenica 9 gennaio con il match con l’Acqua & Sapone Roma Volley Club.

Il coach Andrea Pistola ha presentato la sfida del PalaVerde con queste parole: «Questo quarto di finale è un premio per quello che le ragazze hanno fatto nel girone di andata; giocarlo è un onore perché affrontiamo la squadra vicecampione del mondo. Un traguardo frutto di una crescita che ci ha permesso di fare punti contro le squadre più forti come Conegliano e negli ultimi scontri diretti, dove abbiamo raccolto tanto. L’avvicinamento alla sfida non è stato dei più semplici perché ci siamo trovati a dover interrompere le sedute di allenamento un paio di volte e dovremo fare a meno di alcuni elementi out causa Covid-19. Non siamo nelle condizioni ottimali ma cercheremo di preparare al meglio questo quarto di finale e di godercelo. Mi aspetto che le ragazze approccino la partita senza troppe pressioni, con l’obiettivo di divertirsi e di tentare il tutto per tutto».

Archiviata la sconfitta nella finale del Mondiale per club ad opera del Vakifbank con una convincente vittoria in CEV Champions League sul Chemik Police, la Prosecco DOC Imoco Volley Conegliano scenderà in campo giovedì 30 con un solo obiettivo: staccare il pass per le Finali Coppa Italia Frecciarossa. Per farlo, coach Santarelli potrà contare su una squadra decisamente più in salute rispetto a quella che aveva faticato per piegare la Bosca S.Bernardo Cuneo nella sfida di campionato: out soltanto la lungodegente Fahr.

Otto su otto le sfide portate a casa da Conegliano contro Cuneo, anche se i tifosi cuneesi hanno ancora negli occhi la splendida prestazione dell’ultimo scontro diretto, il Derby delle Bollicine dello scorso 14 novembre, dove le Gatte sono uscite sconfitte per 3 a 2 ma hanno giocato assolutamente alla pari contro una delle formazioni più forti del pianeta. Ex dell’incontro la sempre più fondamentale negli schemi d’attacco cuneesi Lucille Gicquel, che l’anno scorso vestiva la maglia gialloblù delle venete vincendo tutto.