Quantcast

A Palazzo Samone una mostra dedicata alla storia dei profumi nelle varie epoche

S'intitola "Le vie del profumo" e si propone di portare l'utente in un viaggio nel tempo all'insegna dell'olfatto, in modo da scoprire le essenze predilette di tutte le epoche storiche. In programma dal 6 al 30 gennaio 2022 con ingresso libero.

L’associazione Pro Natura Cuneo, con il patrocinio del Comune di Cuneo, organizza dal 6 gennaio al 30 gennaio 2022 la mostra Le Vie del Profumo. L’esposizione, allestita presso Palazzo Samone, presenta opere provenienti da importanti collezioni del territorio piemontese e vede la collaborazione di numerosi artisti, tra Torino, Milano, Padova e Venezia.

Nell’immaginario comune Le Vie del Profumo partono da lontano e richiamano mondi esotici e fantasiosi. Tutte le culture hanno fatto uso di essenze profumate a scopo religioso, per onorare i defunti, per la cura del corpo, per profumare abiti ed ambienti. Sono sostanze preziose, ottenute dai vegetali, soprattutto dai fiori che hanno escogitato le fragranze per attirare gli insetti pronubi. La mostra vuole ricordare le essenze che hanno caratterizzato la storia del profumo, ma anche evidenziare le specie locali da sempre utilizzate nel nostro territorio.

Partendo dalle antiche civiltà del bacino del Mediterraneo che hanno fatto ampio uso di essenze profumate, sarà possibile seguire le varie tappe evolutive dal Medioevo al Rinascimento, fino all’Ottocento e al Novecento, secoli in cui si svilupparono le grandi Maison del profumo. In mostra sono esposti oggetti che hanno segnato le tappe della profumeria, come incensieri, vasi da farmacia, nécessaires da viaggio, celebri bottiglie per profumi, ceramiche, opere di artisti del passato e importanti nomi dell’arte contemporanea, tra cui ricordiamo Ezio Gribaudo. Alcuni spazi sono dedicati alla Sindone di Torino e agli unguenti con cui è stato cosparso il corpo di Cristo. Sarà allestito il laboratorio di un profumiere e verranno ricreati gli spazi domestici usati dalle signore per la toeletta quotidiana.

Curatrice della mostra è la dott.ssa Silvana Cincotti, egittologa e storico dell’arte, impegnata da anni nello studio della storia dell’olfatto. Questa mostra, affrontando un tema molto particolare qual è quello dei profumi, vuole sottolineare l’importanza della tutela del mondo vegetale e portare il visitatore in una sfera di bellezza e piacere olfattivo che aiuta a vivere meglio. La mostra verrà inaugurata nel pomeriggio dell’Epifania alle ore 16.30. Sarà aperta al pubblico dal giovedì al sabato dalle 15.30 alle 19 e la domenica dalle 10 alle 12.30 e dalle 15.30 alle 19 con ingresso libero e, ovviamente, controllo del Green Pass all’ingresso.