Quantcast

Truffa ai danni dei correntisti di Poste Italiane, criminali cercano di rubare loro il denaro

Quando un buon utilizzo dei social serve per raggiungere il maggior numero di persone

Un buon utilizzo dei social è quello messo in atto dai Carabinieri locali che avvisano la popolazione per raggiungere il maggior numero di persone. E’ quanto accaduto lo scorso fine settimana su alcuni gruppi Facebook come “Sei di Busca”. Il messaggio importante riguarda i correntisti Poste Italiane.

“Prestate molta attenzione agli SMS che ricevete in questo periodo.

Tramite una tecnica conosciuta come “spoofing” i criminali riescono a inviare il messaggio con lo stesso numero identificativo del servizio di Poste italiane e quindi l’SMS criminale apparirà sotto quelli leciti inviati dal servizio.

Nel testo dell’SMS, i criminali informano gli utenti che c’è un problema con i dati anagrafici del loro account e li invitano a correggere i dati cliccando su di un link. Una volta cliccato, si arriva su di una pagina in cui si spiega il problema e, per forzare gli utenti a non tardare nell’operazione, li si informa che il loro account resterà parzialmente bloccato finché l’errore non verrà corretto.

Chi inserisce i suoi dati su quel sito, quindi, li consegna in mano a dei criminali che cercheranno di usarli per rubare denaro.

Si sono già verificate truffe anche nella nostra zona e per cifre davvero considerevoli.

NON CLICCATE MAI SUI LINK;

Rivolgetevi allo sportello di fiducia in caso di dubbi e sporgete denuncia il prima possibile qualora foste già stati colpiti.

Parlatene con chi é poco avvezzo a maneggiare smartphone e app.

Condividiamo per proteggerci a vicenda.”

La caserma di Carabinieri di Busca é a completa disposizione in caso di bisogno. Si invita a condividere su gruppi Whatsapp di vicinato per aiutare a spargere la voce.