Quantcast

Consegnata alla Città di Cuneo la “stecca” del Raduno Nazionale dei Bersaglieri

Il prossimo maggio la città ospiterà il 69° raduno nazionale dei fanti piumati, che porterà a Cuneo oltre 100mila persone. Nel frattempo è stata consegnato il simbolo istituzionale dei raduni nazionali alla vicesindaca Manassero.

Cresce l’attesa a Cuneo per il 69° Raduno Nazionale dei Bersaglieri, che dal 16 al 22 maggio 2022 porterà in città oltre 100mila persone. Nella mattinata di ieri c’è stato il primo atto ufficiale della manifestazione, con la consegna alla vicesindaca Patrizia Manassero, in rappresentanza della Città, della proverbiale “stecca”, vale a dire il simbolo dei raduni, affidato ogni anno alla città ospitante. L’occasione della consegna è stata rappresentata dal convegno su “diritto internazionale dei conflitti e riflessioni sulla Prima Guerra Mondiale nel centenario del Milite Ignoto”, che si è tenuto nella giornata di ieri in Sala San Giovanni.

Assente per motivi istituzionali i sindaco, Federico Borgna, sono stati il presidente dell’Associazione nazionale bersaglieri Ottavio Renzi e il presidente del Comitato organizzatore Guido Galavotti a consegnare la stessa al vicesindaco Manassero, che ha ricordato il forte legame della città con i fanti piumati. “Prima di essere stata città di alpini e di fanteria – ha detto – per venti anni, dal 1851 al 1870, Cuneo ha ospitato nel centro storico la prima caserma d’Italia dei bersaglieri”. 

Il convegno di ieri mattina è stato aperto dai saluti istituzionali del sottosegretario alla Difesa Giorgio Mulè e del Presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio. L’evento del prossimo maggio, infatti, rinviato di un anno a causa della pandemia, rappresenta una grandissima vetrina per Cuneo e per il Piemonte in generale, per molti aspetti paragonabile all’Adunata Nazionale degli Alpini del 2007. “Cuneo sarà un momento di rinascita e di condivisione con tutta la cittadinanza, per metterci davvero alle spalle l’emergenza sanitaria“, ha dichiarato il presidente dei Bersaglieri Renzi.