Quantcast

No Green Pass a Bra: “Stato irresponsabile che fa scegliere tra salute e lavoro” foto

Secondo gli organizzatori della manifestazione oltre 150 persone si sono radunate ieri sera per protestare contro l’introduzione obbligatoria del green pass sui luoghi di lavoro a partire dal 15 ottobre: "la mobilitazione continuerà fino a quando il governo non ritirerà questo indegno strumento burocratico di controllo sociale"

Più informazioni su

Bra. Secondo gli organizzatori della manifestazione oltre 150 persone si sono radunate sabato sera a Bra per protestare contro l’introduzione obbligatoria del green pass sui luoghi di lavoro a partire dal 15 ottobre.

“Uno stato irresponsabile – spiegano gli stessi organizzatori – che mette i lavoratori con le spalle al muro obbligandoli sotto ricatto a dover scegliere tra diritto alla salute e diritto al lavoro dichiarano gli organizzatori. Il vaccino non è obbligatorio ma viene imposto come tale data la presa in giro dei tamponi a cui è quasi impossibile accedere e conciliare con orari e turni di lavoro. Questa è una battaglia di libertà volta a tutelare tanto i non vaccinati come i vaccinati, perchè il principio di una tessera che limitino meno i propri i diritti individuali non è degna di uno stato di diritto. In tutto il mondo il green pass per accedere al proprio posto di lavoro è richiesto solo in Italia”.

“La mobilitazione continuerà nelle prossime settimane – aggiungono – fino a quando il governo non ritirerà questo indegno strumento burocratico di controllo sociale”.

Più informazioni su