Quantcast

L’incontro dell’oro paralimpico Diego Colombari con il personale del Santa Croce di Cuneo foto

L'azienda ospedaliera ci ha tenuto a ringraziare pubblicamente l'atleta paralimpico, campione iridato nell'handbike, che ha dedicato la propria medaglia d'oro proprio all'ospedale di Cuneo.

E’ stato un incontro emozionante quello che si è tenuto questa mattina presso la sala di rappresentanza dell’azienda ospedaliera S. Croce e Carle di Cuneo con Diego Colombari, il campione cuneese, medaglia d’oro di handbike alle recenti Paralimpiadi di Tokyo.

Diego Colombari Santa Croce

Colombari aveva dedicato il premio, subito dopo la vittoria, agli operatori del S. Croce e oggi una rappresentanza delle diverse figure professionali lo ha incontrato, insieme al vertice dell’Azienda Elide Azzan, per ringraziarlo di quel pensiero ispirato dalle cure e dall’assistenza dei sanitari, in occasione di un brutto incidente che risale al 2008.

Sono convinto che dietro a un successo non ci sia un singolo atleta, ma un’intera squadra – ha detto Colombari -. Alle Paralimpiadi di Tokyo eravamo in tre a correre, ma, con noi, c’erano tante persone, tra le quali anche quelle che lavorano nell’ospedale di Cuneo. Nel 2008, quando ho avuto l’incidente, hanno saputo curarmi al meglio ed è stato anche merito loro se io oggi ho le potenzialità fisiche per raggiungere risultati di questo tipo”.

Lo ha accolto, a nome di tutta l’azienda il Direttore Generale Elide Azzan, accompagnata dal Direttore Sanitario Monica Rebora e dal Direttore Amministrativo Gianfranco Cassissa. “Non capita tutti i giorni che un campione paralimpico dedichi, al personale di un’azienda ospedaliera, la sua medaglia d’oro”, ha esordito la dottoressa Azzan. “Il minimo era accoglierlo nell’ospedale, dov’è stato preso in carico e curato”. E abbiamo deciso di farlo con un incontro informale tra il campione e i rappresentanti del personale sanitario, in un momento in cui non siamo più considerati “eroi”, com’eravamo stati definiti all’inizio della pandemia. L’importante, comunque, è che chi lavora nelle strutture sanitarie sia orientato sull’obiettivo della professione, che è quello di assistere i pazienti”.

Diego Colombari ha donato all’Azienda una felpa dell’Italia con dedica all’ospedale, mentre dal S. Croce ha ricevuto la maglietta prodotta nel 2019, in occasione dei 700 anni dell’ospedale, un libro sulla Confraternita dell’ospedale e il testo, curato dal dottor Cartia, relativo agli ultimi decenni di storia del nosocomio.