Quantcast

Da domani in vigore i nuovi regolamenti per le Biblioteche civiche di Cuneo

Le nuove regole si adattano al Decreto Legge dello scorso 8 ottobre recante “Disposizioni urgenti per l'accesso alle attività culturali, sportive e ricreative, nonché per l'organizzazione di pubbliche amministrazioni e in materia di protezione dei dati personali”.

Ci si avvicina sempre più ad un ritorno alla piena normalità pre-Covid 19, per lo meno per quanto riguarda le modalità di accesso alle biblioteche civiche di Cuneo. A partire da domani, infatti, cambiano i regolamenti, sulla base del Decreto Legge dello scorso 8 ottobre recante “Disposizioni urgenti per l’accesso alle attività culturali, sportive e ricreative, nonché per l’organizzazione di pubbliche amministrazioni e in materia di protezione dei dati personali”.

Nella fattispecie vengono eliminati dalla tre principali biblioteche cittadine (Biblioteca Civica, Biblioteca 0-18 e Biblioteca di Cuneo Sud) i limiti di presenze contemporanee, i limiti di permanenza massima e la quarantena di sette giorni sul materiale restituito che verrà messo immediatamente a disposizioni di nuovi utenti, con la possibilità di sfruttare sempre il box di restituzione in Via Cacciatori delle Alpi e in Via Santa Croce.

Le principali novità, per quanto riguarda la Biblioteca Civica riguardano in particolar modo l’aumento delle postazioni catalogo (da due a quattro), l’aumento delle postazioni di lettura di quotidiani e periodici (da tre a quattro), l’aumento della capienza della sala consultazione da dieci a venti persone (due per tavolo, con priorità ai primi arrivati) e la decadenza della compilazione dell’autocertificazione per i servizi di consultazione. Rimane sempre singola la postazione internet per consultare quotidiani e periodici.

Grandi novità anche per quanto riguarda la Biblioteca 0-18, con le postazioni catalogo che passano da due a sei, la possibilità di leggere e navigare in internet nuovamente all’interno degli spazi della biblioteca e la ripresa in presenza delle visite delle scuole e delle attività di promozione della lettura.

Sempre indispensabile, ovviamente, il Green Pass, che tutti (ad eccezione dei bambini al di sotto dei 12 anni e di coloro che sono muniti di certificazioni mediche specifiche) dovranno esporre all’ingresso degli edifici, all’interno dei quali occorrerà sanificare le mani e tenere sempre addosso la mascherina. Viene mantenuto il registro degli ingressi, per il tracciamento delle presenze: all’ingresso viene misurata la temperatura, che viene registrata assieme al nominativo, all’ora di ingresso e all’ora di uscita. Rimangono attivi i moduli di richiesta anticipata dei prestiti; per il solo ritiro del materiale non è necessario il Green Pass.