Quantcast

Costigliole Saluzzo, domenica si intitola la sede della Protezione Civile a Tullio Mastrorilli

Lo ricorda il sindaco Nasi: "Era un uomo altruista, molto deciso come si conviene ad un leader, ma soprattutto preparato: sui temi della protezione civile, ma non solo, è stato per Costigliole un vero punto di riferimento, era una persona su cui si poteva contare. Questa intitolazione ci permette di perpetrarne il ricordo in quella che era un po’ la sua seconda casa"

Costigliole Saluzzo. Domenica 3 ottobre, alle ore 9.30, la nuova sede della Protezione Civile locale sarà intitolata alla memoria di Tullio Mastrorilli, fondatore e storico capogruppo mancato nell’aprile di quest’anno in conseguenza del covid. Proprio quel male che lui, senza timore, con tutti i volontari, aveva cercato di arginare con attività di prevenzione e sostegno alle famiglie contagiate.

La sede si trova in via Villafalletto 48: si tratta di un edificio acquisito dal Comune dall’Enel, che in questi mesi i volontari e lo stesso Mastrorilli hanno sistemato e reso accogliente. La sede si compone di un garage 10 x 5 m, una sala riunioni, un magazzino, una sala spogliatoio, un ufficio con servizi e una stanza. Al suo interno il gruppo può ricoverare in sicurezza mezzi e attrezzature in dotazione e svolgere la normale attività associativa, che li ha portati in questi anni a svolgere centinaia di servizi sul territorio ma anche preziose attività in seguito alle valanghe della valle Varaita, nelle zone terremotate e in Francia.

La cerimonia inaugurale prevede la benedizione a cura don Claudio Margaria alle 9.30 e a seguire i discorsi ufficiali, il taglio del nastro con intitolazione a Mastrorilli e la presentazione dei locali alla cittadinanza.

Il compianto presidente, ex dipendente Michelin e guardiacaccia della Provincia, ha lasciato un grande vuoto nel gruppo ed è stato naturale, per i colleghi e l’amministrazione comunale, pensare a lui per l’intitolazione della sede per cui tanto si era speso e impegnato in prima persona.

Raccontano i “colleghi” del gruppo di volontariato: “Tullio rimase sorpreso e addolorato dall’Alluvione in Piemonte del 1994. Per questo l’anno dopo, con alcuni amici, decise di fondare il gruppo di Protezione civile che ha contribuito a far crescere negli anni. Lui è stato un Signore con la S maiuscola, nei modi e nell’onestà, per noi un esempio”.

Il sindaco Fabrizio Nasi: “Mastrorilli era un uomo altruista, molto deciso come si conviene ad un leader, ma soprattutto preparato: sui temi della protezione civile, ma non solo, è stato per Costigliole un vero punto di riferimento, era una persona su cui si poteva contare. Questa intitolazione ci permette di perpetrarne il ricordo in quella che era un po’ la sua seconda casa”.