Quantcast

Radicali raccolgono firme in carceri Cuneo e Fossano: “anche gli emarginati hanno diritti” foto

Durante la visita gli attivisti hanno raccolto le firme dei detenuti per il quesiti su Eutanasia, i Referendum Giustizia giusta e il Referendum Caccia

Stamattina (12 settembre), alcuni militanti dell’Associazione Radicali Cuneo – Gianfranco Donadei, sono entrati nel carcere di Cuneo e di Fossano. Durante la visita gli attivisti hanno raccolto le firme dei detenuti per il Referendum Eutanasia, i Referendum Giustizia giusta e il Referendum Caccia. “Giusto che i detenuti, i più emarginati dalla società, abbiano la possibilità di esercitare i propri diritti partecipando alla vita democratica del Paese” hanno dichiarato i Radicali all’uscita dei due istituti.

“A Cuneo – dichiarano Filippo Blengino, Alessia Lubée e Sabatino Tarquini“insieme all’autenticatore Emiliano Riba, abbiamo raccolto 27 firme. I detenuti hanno risposto molto bene: erano davvero interessati al tema. Riteniamo fondamentale dare a tutti la possibilità di esercitare i propri diritti democratici. La situazione nel carcere ci è parsa tranquilla, indubbiamente più serena di mesi fa. Molto positivi i corsi attivi della scuola alberghiera e edile, fondamentali nel reinserimento sociale delle persone recluse”.

“A Fossano” – dichiarano Alexandra Casu, Rosanna Degiovanni e Marco Filippa – “insieme al Consigliere comunale Enzo Brizio, abbiamo raccolto 30 firme. Un’esperienza positiva di rapporto tra chi vive la libertà e quelli a cui è stata sottratta, nel pieno rispetto del dettato costituzionale.”