Quantcast

Ital-Volley: l’ex Cuneo Ferdinando “Fefè” De Giorgi sul tetto d’Europa

Il commissario tecnico della Nazionale Maschile di Pallavolo che ieri sera ha battuto la Slovenia nella finale dei Campionati Europei a Katowice ha un glorioso passato a Cuneo prima come palleggiatore e poi come coach. Sconfitto il tecnico dello Scudetto Giuliani (c.t. della Slovenia).

C’è anche un po’ di Cuneo nell’impresa dei “ragazzi terribili” della Nazionale Maschile di Pallavolo che ieri sera hanno alzato al cielo la coppa del Campionato Europeo a Katowice in Polonia. Il commissario tecnico Ferdinando De Giorgi, da tutti conosciuto con il nomignolo “Fefè”, infatti ha un glorioso passato legato alla città di Cuneo, avendo militato complessivamente per cinque stagioni (dal 1994 al 1997 e poi dal 2000 al 2002) nelle fila dell’Alpitour Cuneo (poi diventata Piemonte Volley) come palleggiatore. Ha inoltre cominciato la propria carriera di tecnico sedendo proprio sulla panchina cuneese dal 2000 al 2003, rivestendo per due anni il doppio ruolo giocatore-allenatore.

Pugliese di Squinzano, De Giorgi è stato uno degli eroi sportivi della cosiddetta “Generazione di Fenomeni” italiana degli anni Novanta, capace di vincere tre mondiali di fila con la Nazionale. Per tutti i cuneesi, però rimarrà per sempre soprattutto uno dei più grandi pallavolisti della storia della mitica squadra biancazzurra cittadina, contribuendo, insieme ad alcuni altri atleti rimasti nel cuore della città (su tutti Andrea Lucchetta, che ieri sera ha commentato per Rai Sport la finale della Nazionale, e Gigi Mastrangelo e Nikola Grbic) a rendere Cuneo grande in Italia e in Europa.

Da giocatore, infatti, De Giorgi ha aiutato la compagine cuneese a vincere due Coppe Italia, una Supercoppa Italiana, una Coppa delle Coppe, due Coppe CEV e una Supercoppa Europea, dimostrando di possedere un’indole vincente anche in panchina, vincendo tre trofei nella mitica stagione 2001-2002 (Coppa Italia, Supercoppa Italiana e Coppa CEV). Purtroppo nella sua esperienza cuneese è mancata soltanto la gioia dello Scudetto, arrivata nel 2010 con Giuliani (attualmente commissario tecnico della Slovenia, sconfitta ieri sera) in panchina. La carriera del De Giorgi allenatore è partita da Cuneo per poi spiccare il volo con ottimi risultati sia in Italia sia all’estero (in terra polacca) e ieri sera ha raggiunto il suo apice con la vittoria del Campionato Europeo a poco più di un mese dalla sua nomina a c.t. (ha sostituito dopo la deludente Olimpiade di Tokyo, Gianlorenzo Blengini). Ogni volta che si vede esultare uno degli “eroi del PalaCastagnaretta” anche la città di Cuneo non può fare a meno di saltare di gioia.