Quantcast

“Firmate per la depenalizzazione della cannabis”: l’appello di Rifondazione Comunista Cuneo

"La criminalizzazione della cannabis serve solo alle narcomafie" spiega il segretario provinciale Alessio Giaccone

Scrive Alessio Giaccone, segretario provinciale di Rifondazione Comunista.

Rifondazione Comunista aderisce con la più totale convinzione al comitato promotore della campagna referendaria sulla depenalizzazione della cannabis. Abbiamo sempre sostenuto la necessità di legalizzare la cannabis a uso terapeutico e ricreativo. Il referendum è la giusta risposta all’ignavia dei governi e del parlamento. Non possiamo che ritrovarci con le associazioni con cui condividiamo da anni questa e altre battaglie di civiltà. La criminalizzazione della cannabis serve solo alle narcomafie.<

Si tratta di un’impresa quella di raccogliere le firme online in soli 20 giorni ma siamo convinti che sia possibile un risultato sbalorditivo perché il paese è molto più avanti di una politica ostaggio dell’oscurantismo e della demagogia.

Invitiamo tutte le cittadine e i cittadini in possesso di SPID, a firmare online sul sito www.referendumcannabis.it.