Quantcast

E’ partita ufficialmente la nuova stagione di caccia

Da domenica 19 settembre (terza domenica di settembre) l’avvio ufficiale della stagione

Più informazioni su

Domenica 19 settembre (terza domenica di settembre) è partita ufficialmente la nuova stagione di caccia a cinghiali, lepri, minilepri, fagiani, quaglie, mentre da settimane era già possibile la caccia di selezione agli ungulati (capriolo, camoscio, cervo, daino, muflone e cinghiale) iniziata ad agosto e ai primi di settembre nei vari Comprensori alpini (Ca) e Ambiti di caccia (Atc) della Granda.

L’attività venatoria è regolamentata dalla legge regionale 5 del  2018 in cui è stato inserito, tra gli altri, il divieto di caccia a tutte le specie nelle domeniche di settembre, mentre successivamente l’attività venatoria sarà poi consentita nelle giornate di mercoledì, sabato e domenica. Per la caccia di selezione ci sono giorni stabiliti, così come per l’orario di inizio e termine della giornata venatoria che cambia in base alla stagione.

Il calendario venatorio prevede vari periodi generali, oltre a quelli stabiliti su richiesta di Atc, Ca e aziende con proroghe e anticipi per le diverse specie. Sono definiti dalla Regione anche i piani di prelievo selettivo negli istituti venatori e le linee guida per la gestione e il prelievo degli ungulati selvatici e della tipica fauna alpina, comprese le quantità cacciabili e i mezzi per l’esercizio dell’attività venatoria.

A vigilare sul rispetto di date e numero di capi abbattuti ci sono 15 agenti della Polizia locale faunistico ambientale della Provincia, a cui si aggiungono circa 200 guardie volontarie (sempre coordinate dalla Provincia), alle guardie dipendenti dagli Atc e Ca (12) e ai Carabinieri forestali.

Potranno elevare multe tra 200 e 2.500 euro ed è previsto anche l’arresto per chi uccide capi di specie tutelate o spara in parchi e zone protette. I cacciatori possono muoversi non solo nei cinque Ambiti territoriali di caccia di pianura (Atc) o nei sette Comprensori alpini (Ca) dove risiedono, ma anche in quelli confinanti o per i quali pagano la quota associativa.

Più informazioni su