Quantcast

Due cuneesi nel Team della Nazionale Italiana che ha vinto la Coppa del Mondo di pasticceria 2021 foto

Sono i giovani gemelli 21enni Matteo e Lorenzo Marchisio, diplomati all'Alberghiero di Dronero

Lo scorso 26 settembre l’Italia si è nuovamente distinta in questo 2021 che passerà alla storia per i numerosi titoli conquistati. Si tratta della Coppa del Mondo di Pasticceria che ha visto l’Italia sul gradino più alto del podio conquistando la giuria grazie a un dessert al cioccolato da condividere, un dessert da ristorante, una torta gelato, una scultura di zucchero alta 165 centimetri e un’altra di cioccolato.

A vincere il team composto da Lorenzo Puca, il designer dello zucchero, Andrea Restuccia, il pasticcere e Massimo Pica, il cioccolatiere con il coach torinese Alessandro Dalmasso. Quello di quest’anno è il terzo titolo per l’Italia che aveva già vinto nel 1997 e nel 2015.

C’erano anche due giovani pasticceri cuneesi nel Team della Nazionale Italiana che ha partecipato alla Coppa del Mondo di pasticceria 2021. Sono i gemelli Matteo e Lorenzo Marchisio, classe 2000, entrambi con la passione per la pasticceria.

Siamo stati inseriti come assistenti, in questo meraviglioso Team – raccontano Matteo e Lorenzo a Cuneo24 – per studiare, sviluppare nuove tecniche, texture, gusti e decorazioni per definire i dolci da presentare al mondiale. Abbiamo evoluto e creato, con l’uso di nuove tecnologie, i pezzi artistici in cioccolato e zucchero.

Conosciamo meglio i gemelli Marchisio. Come nasce la vostra passione per la pasticceria? “La nostra passione per la pasticceria nasce fin da bambini, grazie alla cultura ed al piacere del mangiare bene, trasmessa dalla nostra famiglia che ha sempre cucinato con grande attenzione e ricerca. La nostra formazione è cominciata frequentando l’Istituto Alberghiero Virginio Donadio di Dronero. Questo, grazie all’aiuto di validissimi professori, quali: Mauro Putto, Monica Monchiero, Anna Stum e tutto il corpo docenti che ci hanno sempre sostenuto e spronato a tirare fuori il meglio di noi. E’ una scuola molto valida, in quanto si impegna a mettere a disposizione degli studenti, attrezzature e materie prime di alta gamma.”

Una volta ottenuto il diploma quale percorso professionale avete intrapreso? “Grazie all’Alberghiero siamo entrati fin da subito nel mondo del lavoro, in modo da abbinare la teoria con la pratica presso laboratori e ristoranti della nostra regione e nel resto dell’Italia. Entrambi abbiamo avuto la possibilità di lavorare presso la rinomata PANETTERIA-PASTICCERIA FAGNOLA 1923 di Bra. Abbiamo, avuto l’occasione di lavorare anche separatamente, in modo da avere a disposizione differenti esperienze lavorative da confrontare. Durante il nostro percorso, fortunatamente, siamo venuti a conoscenza della scuola “CAST ALIMENTI” – la scuola dei mestieri del gusto e dei campioni del mondo -. Dopo aver superato una selezione di una settimana, entrambi siamo riusciti ad entrare a far parte dello staff di questa grandissima scuola come allievi borsisti R.O.P.A. per ampliare il nostro bagaglio formativo. In questi due anni abbiamo avuto l’onore di affiancare i migliori professionisti del settore venendo a conoscenza delle tecniche, delle materie prime e tecnologie più all’avanguardia del mercato. Questa è stata un’esperienza unica, molto positiva, che consigliamo a tutti coloro che hanno il piacere di intraprendere questo lavoro. E’ necessario essere molto determinati, perché, solo con tanto sacrificio e impegno si posso raggiungere certi traguardi.”

In cosa consiste esser borsisti?I borsisti, sotto la guida del grandissimo Executive manager e pasticcere Gabriele Bozio, sono impegnati in tutte le attività che riguardano la vita della scuola.”

In che modo siete stati “artefici” della vittoria dell’Italia alla Coppa del Mondo di Pasticceria? “A partire dal mese di gennaio 2021 ad oggi, con molto orgoglio, siamo stati inseriti come assistenti della squadra italiana campione del mondo di pasticceria. Questa è composta da: Lorenzo Puca, Andrea Restuccia e Massimo Pica e dalla nostra collega assistente Dejana Scisciani. In questo periodo insieme ai ragazzi e al presidente Alessandro Dalmasso, ci siamo dedicati a ricercare e sviluppare tecniche e prodotti all’altezza della competizione sia per i tre dolci che per i pezzi artistici di zucchero e cioccolato. Durante questi mesi di allenamento, è stato un onore essere i loro bracci destri, assistendoli in ogni momento, fino al giorno della gara al Sirha a Lione. Questo percorso ci ha fatto provare emozioni uniche dettate dalla stanchezza, dalla felicità e dai sacrifici fatti per raggiungere un unico obbiettivo.”

Consigli per chi volesse intraprendere la vostra stessa strada?Questo mestiere è dedizione e passione allo stato puro. Spesso, purtroppo, occorre dedicare meno tempo ai propri cari, come la famiglia e gli amici, per poter raggiungere i propri obiettivi. Coloro che lavorano in questo bellissimo settore, sono spesso e volentieri poco tutelati. E’ necessario che,
le nuove generazioni, collaborino di più insieme aiutandosi e confrontandosi per migliorare sempre di più. Durante questo lavoro, non bisogna mai scordare il sorriso e la felicità per rincorrere i propri sogni.”

Grande soddisfazione ed orgoglio tra gli insegnanti dell’Alberghiero di Dronero che hanno visto Matteo e Lorenzo muovere i primi passi nel mondo della pasticceria e che loro per primi non hanno dimenticato.