Quantcast

Assicurazione auto elettrica: conviene?

In un mondo dove i cambiamenti climatici sono sotto gli occhi di tutti agire su quanto produce inquinamento si rivela quanto mai indispensabile e l’iniziativa delle case di produzione va in questa direzione

Più informazioni su

    Le auto elettriche sono uno dei trend più interessanti dell’ultimo periodo. Si inseriscono nella ricerca, da parte delle aziende, di vetture di tipo ecologico e, quindi, con un impatto inferiore sull’ambiente. In un mondo dove i cambiamenti climatici sono sotto gli occhi di tutti agire su quanto produce inquinamento si rivela quanto mai indispensabile e l’iniziativa delle case di produzione va in questa direzione.

    Le auto elettriche si stanno diffondendo sempre di più anche a fronte di costi di produzione inferiori rispetto al passato. Non solo quindi i modelli costosi lanciati dalla Tesla di Elon Musk, tante sono le proposte in circolazione e presenti, nella maggior parte dei casi, in una fascia media di prezzo.

    Un investimento importante, quando si acquista una macchina, è quello che ci si trova a fare con l’assicurazione auto, obbligatoria per legge e necessaria per trovarsi preparati in caso di imprevisto. Oggi, per le auto elettriche, ci sono compagnie che propongono polizze mirate, pensate in maniera specifica per questa tipologia di vetture. Ma sono davvero convenienti? È quello che andremo a scoprire in questo articolo.

    Come funziona l’assicurazione auto elettrica

    Contrariamente a quanto si possa pensare, la polizza auto elettrica comporta costi piuttosto contenuti rispetto a quella di macchine che hanno un’alimentazione a diesel o a benzina. I motivi non sono legati solo al basso impatto che tali vetture hanno sull’ambiente, ma sulla promozione che è in atto affinché le abitudini di consumo vadano sempre più in tale direzione. Il settore assicurativo non fa eccezione e per questo interviene con servizi, agevolazioni, incentivi per quanti decidano di effettuare il passaggio.

    Il risparmio raggiunge soglie importanti, per l’assicurazione auto elettrica, con percentuali che possono arrivare anche al 50%. Per dare numeri concreti, si aggira intorno ai 150/300 euro annui. Un dato importante se si considera che la spesa della Rc è una di quelle che maggiormente pesano sul bilancio delle famiglie italiane. Un ulteriore vantaggio economico è dato dalla cosiddetta carta verde la quale permette di circolare all’estero in totale libertà, avendo compresa l’assistenza stradale.

     

    I motivi per cui i prezzi della polizza auto elettrica sono così interessanti sono i seguenti:

    • La maggior parte degli automobilisti che si trovano alla guida sono esperti: hanno un’età compresa tra i 30 e i 60 anni.
    • L’auto elettrica è solitamente usata per tragitti brevi: il numero di sinistri è considerevolmente ridotto.

    Sono diverse le compagnie che hanno scelto di effettuare gli sconti, sia online sia in filiale, dove la competenza di un assicuratore esperto risulterà un aiuto in più.

    Quali documenti servono per la polizza

    Per la stipula di un’assicurazione auto elettrica è necessario predisporre i medesimi documenti che vengono richiesti per gli altri tipi di polizze. Questo vale sia nel caso di prima immatricolazione di vettura sia per quelle successive. Andando nello specifico, bisogna avere a portata di mano:

    • Documento di riconoscimento. Attualmente, per le disposizioni della legge italiana vanno bene carta d’identità, passaporto e patente. L’importante è che siano tutti in corso di validità.
    • Codice fiscale.
    • Carta di circolazione della vettura. Questa si rivela importante anche perché presenta le caratteristiche specifiche dell’auto, dalla targa alla stessa alimentazione. Permette quindi di trovare le condizioni assicurative più idonee per un’auto elettrica.
    • Attestato di rischio. Un documento importante dove è contenuta la classe bonus malus dell’intestatario della pratica. Ricordiamo che esistono 18 classi di merito: più il numero è basso, minore risulta il costo finale.
    • Certificato di proprietà del veicolo. In caso la vettura sia un usato è necessario l’attestato che confermi il passaggio di proprietà.

    Stipulare un’assicurazione auto elettrica non è difficile. Ancora di più se si organizza una cartella con tutti i documenti a portata di mano; per gli attestati si possono predisporre copie dell’originale. Una soluzione da tenere pronta ogni anno per trovare l’assicurazione migliore in relazione alle proprie esigenze.

    I vantaggi del passare a un’auto elettrica

    Tra i benefici che ci sono quando si decide di passare a un’auto elettrica c’è, indubbiamente, anche il costo dell’assicurazione che, come abbiamo visto, è decisamente più basso rispetto a quello di una qualsiasi altra auto. Ma non è questo il solo motivo, ce ne sono anche altri estremamente interessanti, ovvero:

    • Le auto elettriche inquinano meno. L’emissione di CO2 è decisamente più bassa, pari quasi a zero.
    • Motore discreto e silenzioso, con prestazioni che non hanno nulla da invidiare a quelle dell’alimentazione diesel o a benzina. Anche l’efficienza energetica è maggiore e raggiunge una percentuale vicina al 90%.
    • In molti centri storici, sia italiani sia internazionali, le auto elettriche possono circolare liberamente, avendo accesso alle aree ZTL.
    • Agevolazioni per quanto riguarda il pagamento presso parcheggi a strisce blu.
    • Possono circolare nel caso vengano predisposti blocchi del traffico.
    • Hanno costi inferiori per quanto riguarda il carburante, essendo il prezzo dell’elettricità inferiore a quello del petrolio.
    • Per i primi 5 anni l’auto è esente dal pagamento del bollo.
    • Sono previsti incentivi statali che possono arrivare dai 4.000 ai 6.000 euro.

    A questi elementi bisogna aggiungere il fatto che se una volta i motori a elettricità riuscivano a sostenere un chilometraggio ridotto così non è oggi, dove l’industria automobilistica ha compiuto passi da gigante. Non solo. Si stanno sempre di più diffondendo i sistemi di ricarica della batteria, ad esempio nei parcheggi, misura che permette un uso maggiore della vettura elettrica.

    Un confronto con la polizza auto ibrida

    Altra tendenza importante per quanto riguarda le vetture ecologiche è quella data dalla diffusione della tecnologia hybrid la quale vede nella vettura la presenza di due motori: uno elettrico e uno a diesel o a benzina. Queste macchine sono molto apprezzate sul mercato dal momento che consentono di non dover rinunciare a nessuna delle due alimentazioni, rendendo la vettura particolarmente versatile per tutte le situazioni.

    Anche in questo caso l’assicurazione è solitamente conveniente, con un risparmio di circa il 10-15%, interessante ma comunque inferiore a quello della polizza auto elettrica. È un dato, in ogni caso, che fa pensare: il mercato dei motori sta diventando sempre più green, nell’acquisto della vettura come per quanto riguarda l’assicurazione. Un fattore che merita di non essere sottovalutato.

     

     

    Più informazioni su