Quantcast

L’ironica lettera del Prof. Giorgio Signorile, insegnante di chitarra all’I.C. Viale Angeli

"Purtroppo per voi anche quest'anno sarò il vostro insegnante di chitarra. Mi troverete in classe come sempre perché ho scelto di fidarmi della Scienza, della Medicina e del mio Governo"

Attuale anche in Granda il tema dei docenti no-vax, no green Passe. Poi c’è lui il Prof. Giorgio Signorile, insegnante all’indirizzo musicale dell’Istituto Comprensivo Viale Angeli, che ha affidato ai social una lettera, affrontando l’argomento in chiave ironica, destinata ai suoi alunni.

Scrive:
Cari alunni,
purtroppo per voi anche quest’anno sarò il vostro insegnante di chitarra. Mi troverete in classe come sempre perché ho scelto di fidarmi della Scienza, della Medicina e del mio Governo. Queste tre entità non sono cose astratte ma istituzioni che regolano e aiutano la nostra vita quotidiana; la scienza e la medicina mi permettono di fare l’insegnante e di avere una vita attiva e sociale in un’età nella quale fino a due secoli fa sarei stato sottoterra da almeno un decennio, nonostante nel tempo mi sia ammalato di morbillo, varicella, abbia avuto infezioni varie e mi sia rotto alcune ossa. Il Governo della nostra Comunità, insieme a quelli degli altri Stati, ci ha messo a disposizione lo strumento per uscire da questa epidemia e tornare a vivere normalmente, il vaccino. Miliardi di persone lo hanno fatto e lo stanno facendo in questo istante, e dobbiamo essere felici di ciò, fino a qualche tempo fa ahimè molti di noi non sarebbero sopravvissuti a questa pandemia… Certo, la stessa scienza ha inventato Internet e lì dentro, come ben sapete, potete trovare di tutto, anche quelli che vi dicono che dentro il vaccino ci sono sistemi di spionaggio e controllo della vostra vita o quelli che “esibire il certificato di vaccinazione è negare la nostra libertà individuale”… persone che dovrebbero vergognarsi e magari tornare a studiare un po’ per capire cos’è una dittatura e come è migliorata la nostra vita grazie proprio ai vaccini.
Quindi buon anno scolastico e… ragionate sempre con la vostra bella testa, molto migliore di quella di tanti adulti (ma sono convinto che già lo sapete)!