Quantcast

Niente da fare per Balsamo & Co., la Germania vola in finale e l’Italia chiude sesta

La "nostra" Elisa Balsamo, insieme a Letizia Paternoster, Rachele Barbieri e Vittoria Guazzini ha affrontato le cicliste tedesche che ieri hanno battuto il record mondiale della disciplina con l'obiettivo di conquistare la finale per l'oro nella gara di Inseguimento a squadre. Ma le atlete della Germania si sono confermate irraggiungibili.

Non c’è stato niente da fare per la cuneese Elisa Balsamo e le sue colleghe cicliste Letizia Paternoster, Rachele Barbieri e Vittoria Guazzini, che hanno affrontato le rivali tedesche nella semifinale dell’Inseguimento squadre femminile ai Giochi Olimpici di Tokyo 2020. Un sfida proibitiva ancora prima di cominciare, visti i tempi macinati nell’altra semifinale dagli Stati Uniti soprattutto dalla Gran Bretagna, che ha battuto il record mondiale stabilito soltanto ieri dalle tedesche. In palio la finale oro-argento per la vincitrice della sfida e quella per il bronzo per la perdente, a patto che si superasse il tempo del Canada (4 minuti e 9 secondi e rotti).

Purtroppo le tedesche si sono confermate le più ostiche avversarie possibili, battendo nuovamente il record mondiale appena stabilito dalle britanniche e volando (letteralmente) in finale. Dal canto loro le italiane si sono comportate molto bene correndo veloci e puntellando il record italiano stabilito dalle stesse atlete azzurre nella giornata di ieri. Purtroppo però non è bastato, tanto che non sono riuscite nemmeno a fare meglio delle canadesi e  quindi a giocarsi il bronzo. Dopo la finale quinto-sesto posto contro l’Australia Elisa Balsamo e compagne, complice anche la stanchezza, hanno chiuso i giochi olimpici nell’Inseguimento a squadre al sesto posto.

Una doccia fredda dopo il quarto posto nelle qualificazioni di ieri, che aveva fatto sognare alla Balsamo e a tutti i tifosi italiani una medaglia. Tuttavia l’età media delle azzurre è molto bassa e il talento non manca di certo. È lecito aspettarsi grandi cose da questa formazione a Parigi 2024. L’atleta originaria di Peveragno sarà ancora protagonista ai Giochi nei prossimi giorni, nelle gare di Omnium (dove è l’atleta di punta della Federazione) e in quelle di Madison (in coppia con Letizia Paternoster).