Quantcast

Saluzzo, approvata all’unanimità una “manovra” anti-pandemia per la ripartenza

1 milione e 300 mila euro per per supportare famiglie ed attività nell’auspicata ripresa post-Covid

Saluzzo. Una “manovra” da oltre 1 milione 300 mila euro per supportare famiglie ed attività saluzzesi nell’auspicata ripresa post-Covid. L’ha approvata il Consiglio comunale di Saluzzo nella seduta di ieri, mercoledì 21 luglio.

Si tratta di spese ed investimenti per 666.590 euro e di rinunce ad introiti per 691.439 euro, coperti da trasferimenti dallo Stato e in buona parte da risorse proprie del Comune. Sommando le due cifre si ottiene il totale che è appunto 1.358.029 euro.
La giunta comunale del sindaco Mauro Calderoni, dopo la manovra della primavera 2020 da 618.000 euro, ora ha di nuovo deciso di intervenire per eliminare o ridurre tasse e tariffe comunali, per rendere gratuiti o meno onerosi servizi pubblici, per offrire occasioni educative e di svago a bambini, ragazzi e famiglie e per supportare la campagna vaccinale.

Nel dettaglio, la spesa più ingente sono i 185.000 euro stanziati per realizzare l’hub vaccinale al foro boario, struttura che ha permesso (e continua a garantire) una decisa accelerazione alle immunizzazioni in città e nel circondario, con la speranza che questo basti ad evitare una nuova ondata.

300.000 euro sono per l’azzeramento della tassa sull’occupazione suolo pubblico per commercianti fissi ed ambulanti, altri 270.000 euro serviranno per l’azzeramento delle tassa rifiuti alle attività economiche più colpite da chiusura totale o parziale dei mesi scorsi. Inoltre, verrà applicata una riduzione dell’11 per cento sulla quota variabile della tassa rifiuti per tutte le utenze non domestiche e del 9 per cento per le utenze domestiche. Significa che tutti i saluzzesi pagheranno meno per la Tari.

La somma di 150.000 euro è stata destinata a ridurre le tariffe del Nido comunale “Jean Monnet”, dimezzate per tutti gli iscritti per il periodo febbraio-dicembre 2021. La somma di 73.000 euro andrà a sostegno delle famiglie, tramite l’acquisto di generi alimentari ed il sostegno alla spesa per affitti e bollette per i nuclei in difficoltà selezionati dai Servizi sociali, mentre altri 43.000 euro contribuiranno alle iniziative educative e ludiche di Estate ragazzi per bambini e giovani saluzzesi. È stato prorogato anche il fondo di 10.000 euro per sostenere le riduzioni sull’addizionale comunale Irpef. Per tutto il 2021 inoltre le società sportive possono usufruire delle palestre gratuitamente. Alle scuole dell’obbligo infine verrà assegnato un contributo di 20.300 euro per il potenziamento della dotazione tecnologica a supporto della didattica a distanza.

“Come diciamo da tempo – spiegano il sindaco Mauro Calderoni e il vice ed assessore al bilancio Franco Demaria – la comunità saluzzese ha resistito e reagito in questi lunghi mesi di pandemia ed è pronta ora alla ripartenza. Come Amministrazione comunale abbiamo fortemente voluto fare la nostra parte per offrire sostegni, sgravi e rimborsi a favore delle categorie più colpite dalle chiusure e dalla restrizioni e, in generale, per garantire un po’ di sollievo a tutta la popolazione in questa seconda estate dell’era Covid e per questo abbiamo deciso di mettere a disposizione una somma ingente, più di 1 milione e 300 mila euro, cifra che rappresenta all’incirca un ventesimo del nostro bilancio annuale complessivo. Per l’autunno, inoltre, stiamo studiando delle azioni di implementazione dei servizi accessori alla attività didattica, ampliando il servizio mensa a tutte le classi dell’Istituto comprensivo ed un’azione di sostegno alle famiglie per le dotazioni tecnologiche”.