Quantcast

Gribaudo: “Dobbiamo evitare a tutti i costi il ritorno della DAD”

La deputata del PD commenta i dati del Rapporto Invalsi emersi nella giornata di oggi, che dimostrano quanto sia sceso in maniera preoccupante il dato sulla preparazione generale degli studenti italiani a seguito dell'ultimo anno di grosse difficoltà nel mondo della scuola.

Dobbiamo evitare a tutti i costi il ritorno della DAD” comincia così il lungo post scritto da Chiara Gribaudo in merito ai preoccupanti dati rilasciati stamattina dall’Istituto Nazionale per la Valutazione del Sistema Educativo. L’allontanamento dalle aule scolastiche vissuto dagli studenti di tutti i livelli nel corso dell’ultimo anno scolastico, ha fatto sì che di fatto un alunno su due non raggiunga, oggi, il livello di preparazione minima nelle materie più importanti, come Italiano e Matematica. Un calo vertiginoso rispetto alle statistiche pre-Covid.

“Si tratta di mancanze che devono essere adeguatamente recuperate con programmi specifici, finanziamenti per attività pomeridiane e allargamento del tempo pieno su tutto il territorio nazionale. – continua la Gribaudo – E soprattutto, la scuola nel prossimo anno scolastico deve rimanere sempre aperta.

Se ci sono scenari preoccupanti a causa delle varianti Covid, è urgente prevedere misure adeguate per il trasporto pubblico che evitino i problemi di affollamento, oltre a mettere a disposizione delle scuole test salivari veloci e lavorare sui sistemi di ventilazione. La scuola non può più chiudere, qualsiasi sia il colore delle regioni e dei comuni. Le fabbriche e i luoghi di lavoro sono rimasti tutti aperti anche in zona rossa, non ha senso tornare alla didattica a distanza.
A pagare non possono essere sempre i più giovani e i più piccoli, che hanno ricevuto già troppi danni formativi e psicologici”.