Quantcast

Bra, nuove prenotazioni e servizi per gli sportelli anagrafici

Appuntamenti per la CIE, certificati digitali e fasce orarie di prenotazione

A partire da oggi, lunedì 19 luglio, visto anche l’intensificarsi delle richieste estive relative ai servizi di Anagrafe e Carta di identità elettronica, sono stati adottati alcuni provvedimenti organizzativi per agevolare gli utenti con necessità di usufruire dei servizi anagrafici.

Appuntamenti CIE e sportelli anagrafici

In particolare, sono state aumentate le possibilità di appuntamento (esclusivamente previa prenotazione telefonica o via mailper gli sportelli anagrafici e per la C.I.E. (carta di identità elettronica).

Per la C.I.E., sono stati attivati 8 slot aggiuntivi (prenotabili, secondo il calendario delle disponibilità, telefonicamente o via email presso il Comune oppure tramite la piattaforma ministeriale di prenotazione ), portando così a 120 il numero totale di appuntamenti settimanali gestiti dalle due postazioni informatiche che il Governo ha stabilito presso questo Comune per il rilascio delle C.I.E..

Incrementato anche il numero degli appuntamenti per gli altri due sportelli anagrafici (residenza, dichiarazioni di permesso di soggiorno, certificati, dichiarazioni sostitutive, ecc.), portando a 188 spazi orari la possibilità settimanali per operazioni anagrafiche diverse.

Prenotazioni telefoniche appuntamenti

Sono state inoltre ottimizzate le procedure di prenotazione telefonica, specialmente per quanto riguarda gli sportelli anagrafici.

A tal fine, gli appuntamenti per i due sportelli dedicati agli altrservizi di Anagrafe (residenza, dichiarazioni di permesso di soggiorno, certificati, dichiarazioni sostitutive, ecc.) continueranno a svolgersi nei normali orari d’ufficio (oltre che il sabato mattina) ma, al fine di consentire l’espletamento del maggior lavoro di sportello, la prenotazione telefonica per gli stessi sarà solo possibile solo negli orari di chiusura al pubblico del lunedì, martedì e giovedì pomeriggio dalle 14,30 alle 16,30.

Gli appuntamenti per i servizi di Stato civile (denunce di nascita e morte, matrimoni, ecc.), nonché per il rilascio e rinnovo delle Carte di identità continuano invece ad essere prenotabili telefonando nei normali orari d’ufficio comunali (vedi rubrica), sia la mattina che il pomeriggio, oltre che il sabato mattina.

Certificati digitali

E’ attivo da qualche mese sulla home page del sito del Comune di Bra www.comune.bra.cn.it (Servizi on line/Servizi demografici, link diretto: https://bra.comune-online.it/web/home/servizi-demografici) un utile servizio di rilascio dei certificati on line, tramite il quale il cittadino in possesso delle credenziali SPID (Servizio Pubblico di Identità Digitale) può stampare o scaricare per sé e per i componenti della propria famiglia anagrafica – in ogni momento e comodamente dal proprio domicilio – certificati e autocertificazioni anagrafiche o di stato civile, pagando il bollo o dichiarando l’uso esente bollo che intende effettuarne. A tal ultimo proposito, si fa presente che sono esenti da bollo tutti i certificati di stato civile e i soli certificati anagrafici per gli usi espressamente previsti come esenti bollo dalla legge. Nelle altre circostanze, l’utente dovrà selezionare la voce “Carta legale” e acquistare la marca da bollo, in quanto un certificato anagrafico in carta semplice non sarebbe valido. Si ricorda che in base al DPR 445/2000 da tempo gli uffici pubblici non possono richiedere né accettare certificati anagrafici o di stato civile di alcun tipo, mentre dall’anno scorso (in base al D.L. n. 76/2000, cosiddetto “Decreto semplificazioni”) nessun soggetto privato può più richiedere legittimamente a un altro privato una certificazione anagrafica o di stato civile rilasciata dal Comune, ma è tenuto, esattamente come i soggetti pubblici, ad accettare le autocertificazioni: i modelli di quest’ultime sono tutti presenti sul sito, con la comodità di trovare il documento già precompilato con i propri dati personali.

Infine, si ricorda che la validità di tutte le carte d’identità, sia cartacee che elettroniche, scadute o in scadenza al 31/1/2020 è stata più volte prorogata e attualmente è fissata al 30 settembre 2021, come disposto dal decreto-legge 30 aprile 2021 n. 56. Nessun soggetto, sia pubblico ufficiale che incaricato di pubblico servizio (comprese compagnie aeree o di navigazione) può disconoscere, sul territorio italiano, tale validità prorogata. Rimane invece limitata alla data di scadenza originariamente indicata sul documento la validità ai fini dell’espatrio; inoltre, alcune polizie di frontiera, soprattutto extra U.E., richiedono obbligatoriamente come documento di riconoscimento il passaporto o la C.I.E.: si consiglia di informarsi preventivamente presso i consolati e le ambasciate italiane, prima di mettersi in viaggio per l’estero.