Quantcast

Blengino sospende lo sciopero della fame: “Incontro positivo con il Comune”

Il segretario dell'Associazione Radicali Cuneo ha incontrato oggi la vice sindaco Manassero e il presidente del Consiglio Comunale Spedale per ridiscutere la decisione del Comune in merito alle nuove regole sulla richiesta di occupazione del suolo pubblico.

Si è concluso dopo tre giorni l’ultimo sciopero della fame di Filippo Blengino, Segretario dell’Associazione Radicali Cuneo – Gianfranco Donadei. Il giovane radicale aveva cominciato a digiunare dalla mezzanotte dello scorso lunedì per ottenere un incontro con l’Amministrazione comunale per cercare un dialogo in merito ai nuovi regolamenti del Comune di Cuneo in merito alla richiesta di occupazione del suolo pubblico (15 giorni di preavviso, pagamento del bollo e divieto di utilizzo di mezzi di amplificazione sonora).

Le nuove regole sono state definite nei giorni scorsi dai Radicali cuneesi “limitative dei diritti democratici dei cittadini” e “frutto di una politica di palazzo, lontana dalla gente”. Ieri è stato annunciato che Blengino avrebbe incontrato, nel pomeriggio di oggi, la vice sindaco Patrizia Manassero, e che lo stesso Segretario avrebbe sospeso la propria protesta soltanto in caso di dialogo costruttivo e di soddisfazione a seguito dell’incontro.

È stato lo stesso Blengino ad annunciare sul profilo Facebook dell’Associazione Radicali Cuneo la sospensione del proprio digiuno, attraverso queste parole: “Nel pomeriggio di oggi, la vice-sindaca Patrizia Manassero insieme al Presidente del Consiglio Comunale Andrea Spedale, con la presenza del dirigente del settore attività produttive, hanno ricevuto il Segretario dell’Associazione Radicali Cuneo – Gianfranco Donadei Filippo Blengino, accompagnato da una piccola delegazione radicale, in merito alla messa in discussione del nuovo regolamento sull’occupazione di suolo pubblico.

L’incontro si è svolto in uno spirito di ascolto reciproco, conclusosi con la volontà di riesaminare alcuni punti, nella fattispecie quelli che riguardano attività politiche e/o associative (senza scopro di lucro).
Pertanto il Segretario Blengino, alla luce dell’incontro, ha dichiarato l’intenzione di sospendere lo sciopero della fame“.
L’associazione ha anche postato una foto ritraente Blengino mentre si appresta ad addentare con soddisfazione un croissant, con cui ha scelto di porre fine al suo sciopero.