Quantcast

Riparte l’export in Provincia di Cuneo

Nei primi 3 mesi del 2021 le vendite all’estero crescono del 5,8% rispetto al I trimestre 2020

Più informazioni su

Le esportazioni cuneesi di merci nel primo trimestre del 2021 riprendono slancio rispetto all’analogo periodo del 2020, al termine del quale si era entrati nella prima fase di lockdown imposta dai governi per arginare l’emergenza sanitaria Covid-19.

Le vendite all’estero dei prodotti made in Cuneo nel trimestre gennaio-marzo 2021 hanno sfiorato i 2,1 miliardi di euro, registrando un aumento del 5,8% rispetto allo stesso periodo del 2020, mentre il valore delle importazioni ha raggiunto 1,2 miliardi di euro (+7,3%). Il saldo della bilancia commerciale si è attestato a 902 milioni di euro, in aumento rispetto agli 868 di gennaio-marzo 2020.

Il valore dell’export del primo trimestre è il migliore di sempre, in crescita dell’1,4% anche rispetto a quello del 2019, quando a fine anno la nostra provincia fece segnare la cifra record di 8,4 miliardi di euro di merci esportate.

Cuneo si conferma la seconda provincia esportatrice del Piemonte, con il 18,4% delle vendite regionali fuori confine. La dinamica esibita dalle esportazioni di merci cuneesi nel periodo gennaio-marzo 2021 è più robusta di quella evidenziata a livello medio nazionale (+4,6%), ma meno intensa rispetto a quella piemontese (+6,4%) che ha beneficiato in modo significativo della ripartenza del mercato automobilistico, praticamente azzerato nel marzo dello scorso anno.

L’export provinciale è cresciuto in modo significativo rispetto al primo trimestre del 2020 ed ha fatto segnare il miglior risultato di sempre – afferma Patrizia Mellano, segretario generale dell’Ente -. È un forte messaggio di speranza e il giusto premio per il sistema produttivo cuneese che ha saputo rispondere con forza alla crisi ripartendo alla grande. Conforta anche il dato nazionale a riprova che, probabilmente, ci stiamo lasciando dietro le spalle il periodo più critico della pandemia”.

Più informazioni su