Quantcast

Campionati a Squadre di Dama, 2° posto per il CD Fossano foto

Medaglia d'argento per Loris Milanese, Alessio Scaggiante e Romano Serra

Bel successo di livello tecnico, agonismo, interesse tra gli appassionati e capacità organizzativa per i Campionati Italiani a Squadre di Dama Internazionale, che si sono svolti a Fossano dal 28 al 30 maggio, ospitati presso la sala congressi del Dama Hotel e organizzati dal Circolo Dama Fossano, guidato dal presidente Davide Pagliano, che è anche delegato regionale della FederDama (FID).

Infatti, come sottolineato dai tanti campioni in gara e dai rappresentanti della FID, l’edizione 2021 di questi Campionati a Squadre, della specialità sulle 100 caselle, è stata una delle migliori degli ultimi anni, sia sotto l’aspetto del livello tecnico, che sotto quello dell’agonismo e dell’equilibrio tra i team in campo.

Allo stesso tempo, l’organizzazione ha superato l’esame a pieni voti, sia per quanto riguarda gli aspetti sportivi, sia sotto il profilo logistico e dell’ospitalità.

Un plauso particolare è stato espresso dai responsabili della FID intervenuti, all’organizzatore Davide Pagliano e ai direttori di gara Stefano Iacono di Genova e Claudio Tabor di Torino, per come hanno saputo gestire le norme di sicurezza anti-contagio da Covid 2019, secondo lo stringente protocollo stilato dalla FID, che ha consentito di disputare la manifestazione sportiva in piena sicurezza.

Infatti, i damisti in gara hanno dovuto indossare sia la mascherina che una visiera trasparente, sanificarsi spesso le mani e sedersi a distanza da compagni di squadra ed avversari: tutto ciò ha comportato una difficoltà in più, che alla fine ha avuto la sua influenza sul risultato sportivo.

Dopo 2 giorni di sfide equilibrate, ma anche di qualche risultato a sorpresa, vittoria del CD Bergamasco, uno dei team favoriti dai pronostici, che si aggiudica il titolo di Campione d’Italia a Squadre di Dama Internazionale totalizzando 11 punti sui 12 disponibili.

La squadra composta dal Grande Maestro Moreno Manzana, dal Maestro Aboubacar Diop, senegalese che vive a Novara, e dal candidato Maestro Nicola Gioffrè, ha vinto 5 dei 6 incontri disputati, pareggiando 3-3 solo con il forte CD Latina nell’incontro iniziale del torneo. Poi un filotto travolgente di 5 successi (di cui ben 4 vinti per 5-1) che ha condotto il team di Bergamo al trionfo.

A contrastare il passo ai lombardi, soprattutto i del CD Fossano 1, che alla fine ha conquistato la medaglia d’argento piazzandosi al 2° posto con 8 punti in 6 gare, frutto di 3 vittorie, 2 pareggi e 1 sconfitta.

Decisivo, per la corsa al titolo, infatti, lo scontro diretto Fossano-Bergamo terminato 4-2 a favore di Manzana e soci.

Il team fossanese è stato in lotta per il podio sin dai primi turni di gioco, grazie ai risultati del grande maestro Loris Milanese, capitano della formazione, e del Grande Maestro Alessio Scaggiante, che hanno totalizzato entrambi 4 successi e 2 pari, terminando il torneo imbattuti. A fare la differenza soprattutto i 2 pari nello scontro diretto di Milanese con Gioffrè e di Scaggiante con Manzana, mentre Diop superava Romano Serra il terzo componente del team fossanese.

Per il CD Fossano ha comunque pagato la scelta tattica, di schierare Romano Serra, attualmente il miglior damista della Provincia di Cuneo nella Dama Internazionale, contro i rivali più forti delle squadre avversarie, in modo da permettere a Milanese e Scaggiante di avere accoppiamenti sulla carta più favorevoli in alcuni turni. Infatti, Serra ha dovuto affrontare 2 Grandi Maestri e 3 Maestri contro cui poteva fare davvero poco.

Nel complesso, la scelta ha pagato, pur con la sorpresa del pari del CD Fossano 1 contro i del CD Varazze, sorpresa del torneo, la migliore delle seconde squadre e in gara.

Sul podio al 3° posto è salito il CD Veliterno 1 di Velletri (Roma), che ha totalizzato sempre 8 punti come il CD Fossano, ma è stato superato dai fossanesi grazie al miglior quoziente-punti, mentre lo scontro diretto è terminato 3 a 3.

Per l’assegnazione del 2° e del 3° posto decisivo il 6° ed ultimo turno di gara in cui il CD Fossano 1 batteva 4-2 e superava in classifica il CD Savonese, che occupava la seconda piazza dopo 5 giornate e alla fine ha chiuso al 4° posto.

Allo stesso modo il CD Veliterno 1 sconfiggeva sempre 4-2 i CD Latina nel laziale e li scavalcava in classifica, passando dal 5° posto alla medaglia di bronzo, mentre Latina scivolava al 7°posto, superata anche dal CD Trieste e dal CD Varazze.

Per il CD Velletri decisive le prove dei Maestri Walter Moscato ed Enes Habilaj e del Candidato Maestro Gabriele D’Amora.

Nel complesso i risultati hanno in parte confermato i pronostici, pur con qualche sorpresa registrata qua e là grazie ai successi o ai pari imposti da giovani damisti emergenti e ad avversari di categoria superiore o, comunque, molto più esperti.

Tutto ciò considerato il livello di gioco è stato davvero altissimo, se si pensa che erano in gara 10 dei migliori 12 giocatori italiani di questa specialità, tra cui ben 6 Grandi Maestri (anzi in pratica 7 dato che Diop non lo è solo formalmente in quanto straniero) e un palmares complessivo di oltre un centinaio di titoli italiani vinti, considerate tutte le varianti e specialità del gioco.

Per quanto riguarda le seconde squadre ed i ottima prova dei giovanissimi del CD Varazze Mattia Pitzalis, Alessandro Spica e Nicolò Turone, che hanno conquistato 7 punti e si sono piazzati al 6° posto finale, ma a pari punti con il 4° classificato, il CD Savonese, guidato dal Grande Maestro Daniele Bertè e dal Maestro Roberto Tovagliaro, che sono gli istruttori dei 3 giovanissimi del CD Varazze, nati nel 2005 e 2006.

Molto buona anche la prova del CD Bergamasco 2, altro team formato da giovani, che si è piazzato all’8° posto pari-merito con il CD Latina, uno degli squadroni in lizza per il titolo, forte del grande Maestro Daniele Macali e dei Maestri Giovanni Fava e Luca Salvato.

Tra le seconde squadre in campo anche la seconda formazione del CD Fossano 2, formata dal Candidato Maestro Francesco Militello (in prestito dal CD Novara), dal Regionale Max Giaccardo e dal Provinciale Simone Demaria, che si sono classificati al 12°posto, ma soprattutto hanno avuto l’opportunità e l’onore di poter affrontare avversari di altissima caratura tecnica e di fare una preziosa esperienza utile per migliorare, ancora in questa specialità, che nella Granda si disputa solo da pochi anni.

Al termine le premiazioni, coordinate da Davide Pagliano nella sua tripla veste di organizzatore dei campionati, presidente del CD Fossano e delegato regionale FID.

Tutti i giocatori hanno ricevuto una medaglia ricordo della competizione, mentre alle prime 3 classificate è andata una coppa offerta dalla FederDama.

A nome della FID sono intervenuti, in qualità di consiglieri federali Daniele Bertè (anche CT della Nazionale italiana di Dama) e Daniele Macali i quali hanno sottolineato l’ottima organizzazione dei Campionati da parte del CD Fossano e la grande ospitalità offerta presso il loro Dama Hotel da parte di Davide Pagliano, di sua sorella Daniela, di tutta la loro famiglia e del personale dell’albergo.

Anzi, Daniele Bertè ha ribadito come nel mondo damistico Fossano sia conosciuta come una delle se non la principale capitale della Dama in Italia, grazie alla riuscita dei tornei che organizza ed ospita ed all’attività promozionale sul territorio.

Da parte sua, Davide Pagliano ha ringraziato tutti i damisti partecipanti per l’impegno e la bravura tecnica dimostrata, la Federdama per la fiducia ancora una volta data al CD Fossano per organizzare un evento di livello nazionale, gli arbitri Stefano Iacono e Claudio Tabor per l’impeccabile conduzione di gara e la Fondazione Cassa di Risparmio di Fossano e la CRF Spa, che hanno sostenuto questo evento e da anni appoggiano le iniziative del CD Fossano.

Infine, Pagliano ha messo in luce anche le opportunità di promozione della città e del suo territorio che, grazie alla Dama, in questi anni sono stati scoperti da molti appassionati ed hanno avuto una vetrina in più, anche tramite la diffusione dei risultati, dei comunicati stampa e delle partite in streaming tramite i social media.

Questo concetto è stato ripreso da Dario Tallone, sindaco di Fossano, ospite delle premiazioni, che ha messo in luce l’impegno di Pagliano, della sua famiglia e dei collaboratori del CD Fossano nel promuovere la città attraverso questo sport in cui conta l’abilità e non la fortuna come in altre discipline.

Inoltre, il Sindaco ha sottolineato il fatto che molti dei 36 partecipanti a questi Campionati fossero giovani e giovanissimi, sintomo che la dama sa rinnovarsi e interessare anche le giovani generazioni, e ha invitato il CD Fossano e la FID a continuare su questa strada.

Le premiazioni sono state riprese in streaming dal Maestro Emanuele Danese che le ha commentate in diretta e diffuse sul profilo Facebook della Federazione italiana Dama al profilo visibile a tutti.

Sempre qui, è stato possibile per gli appassionati assistere in diretta o in leggera differita alle migliori partite di ogni turno di gioco. La visione delle gare è accessibile a tutti.

Molto soddisfatto Davide Pagliano, sia come organizzatore che come presidente del CD Fossano.

La soddisfazione di Davide Pagliano è poi ampliata anche dal risultato sportivo grazie alla conquista del 2° posto da parte del CD Fossano che così torna dopo qualche anno a salire sul podio dei Campionati Italiani a Squadre, vinti nel 2015 e nel 2016.