Quantcast

Il Buongiorno di Cuneo24

Giornata in cui si ritirarono due campioni: Paolo Maldini e Pavel Nedved. Era il 2009

Cuneo. Il sole è sorto alle 5:44 e tramonta alle 21:11. Durata del giorno quindici ore e ventisette minuti.

Santi del giorno
Visitazione della Beata Vergine Maria.
San Silvio di Tolosa, vescovo.
Santa Petronilla, martire.

Avvenimenti
1759 – La provincia di Pennsylvania vieta tutte le produzioni teatrali.
1910 – Creazione dell’Unione del Sud Africa.
1974 – Siria e Israele firmano un accordo di disimpegno che risolve la Guerra del Kippur.
2018 – In Italia Giuseppe Conte ottiene l’incarico di formare un nuovo governo da Sergio Mattarella e propone la lista dei ministri il giorno stesso al presidente della Repubblica.

Nati in questo giorno
Simone Pianigiani – E’ un allenatore di pallacanestro. Dal 1995 al 2006 allena le giovanili della squadra di Siena. Nella stagione 2006/07 è il primo allenatore (head coach) della squadra impegnata nel massimo campionato italiano maschile, conquistando subito lo scudetto. Obiettivo raggiunto anche nei cinque campionati seguenti, perdendo sempre poche partite, come nella stagione 2008/09: 43 vittorie su 44 partite. Un’armata invincibile il Siena a tal punto che, per tre anni consecutivi (2008/09, 2009/10 e 2010/11), fa suoi i tre trofei nazionali (campionato, Coppa Italia e Supercoppa). Il 19 giugno 2012, dopo sei scudetti vinti, Pianigiani lascia la Mens Siena e va ad allenare in Turchia fino a febbraio 2013. Dal dicembre 2009, chiamato dal presidente della FIP Dino Meneghin, diventa l’allenatore della Nazionale italiana di pallacanestro maschile, fino al novembre 2015. Nel 20 giugno 2016 è il coach dell’Hapoel Gerusalemme. Un anno dopo torna in Italia sulla panchina dell’Olimpia Milano, fino al giugno 2019. Compie 52 anni.
Ranieri di Monaco (1923/2005) – Il Principe Ranieri III, Sovrano del Principato di Monaco, succede al nonno il 9 maggio 1949 Ranieri III succede al nonno, cinque anni anni prima, il 30 maggio 1944, la Principessa Charlotte, figlia di Luigi II, rinunciava al diritto di successione in favore del figlio Ranieri, il quale diventava ufficialmente ereditario del titolo e destinato alla successione al trono di Monaco. Il titolo formale viene abbreviato con le lettere H.S.H. (His Serene Highness). Sebbene il nome della famiglia sia Grimaldi, il principe viene generalmente e semplicemente chiamato Principe Ranieri. Il 18 aprile 1956 Ranieri III sposa Grace Kelly, nota e bellissima attrice statunitense scomparsa prematuramente e tragicamente nel 1982. Dalla loro unione nasceranno tre figli Carolina (1957), Alberto (1958) e Stephanie (1965). Per oltre 50 anni Ranieri Grimaldi III reggerà le redini dell’elegante principato of Monaco, nel sud della Francia, piccola terra la cui superficie è inferiore a quella del Central Park di New York. Monaco è nota nel mondo anche per il suo casinò, le spiagge esclusive, l’assenza di tasse e l’annuale gara di Formula 1, il cui circuito è disegnato per essere percorso all’interno delle vie cittadine. A Ranieri si deve l’ammodernamento che il principato ha subito e di cui gode tutt’oggi: costruzioni, ristrutturazioni e la creazione di un centro finanziario. La sua figura pubblica è sempre stata discreta, lontano dalla mondanità, fino al 1982, quando la moglie principessa Grace Kelly, morì in un fatale incidente automobilistico. Un’altra tragedia segnerà la vita della famiglia Grimaldi: il 3 ottobre 1990 il marito di Carolina, l’italiano Stefano Casiraghi, perde la vita in un tragico incidente avvenuto durante una prova del mondiale off shore, nelle acque di Montecarlo. Il 7 marzo 2005 Ranieri viene ricoverato al centro cardio-toracico di Monaco: il 22 dello stesso mese è trasferito in rianimazione per un’infezione bronco-polmonare complicata da insufficienza cardiaca e renale. Il Principe, tanto amato dal popolo monegasco, dopo lunghi giorni di agonia si è spento il giorno 6 aprile. Il successore al trono designato è il figlio Alberto.

Eventi sportivi
2009 – Giornata in cui si ritirarono due campioni: Paolo Maldini e Pavel Nedved. Venticinque anni legati ai colori rossoneri durante i quali Maldini vinse 26 trofei. Un addio al veleno quello del capitano del Milan che lasciò San Siro, una settimana prima, tra i cori di contestazione dei tifosi. Ma quel 31 maggio 2009 allo stadio Artemio Franchi di Firenze gli fu riservata una standing ovation degna della sua carriera. Un minuto di applausi per uno dei difensori più forti di tutti i tempi. Maldini è stato l’unico, per adesso, a salvarsi dalla rivoluzione voluta da Gazidis e nei prossimi giorni darà una risposta al Milan che gli ha offerto il ruolo di direttore tecnico. Stesso destino toccò a Pavel Nedved. Uno dei migliori centrocampisti della sua epoca, prima con la maglia della Lazio e poi con quella della Juventus. Pallone d’oro nel 2003, decise di ritirarsi, scherzo del destino, in un Juventus-Lazio. Dopo il suo ritiro, l’amore per la Juventus è continuato con la carriera da dirigente. Oggi Nedved è vice-presidente del club bianconero.

Proverbio/Citazione
Se piove a santa Petronilla, pioverà per quaranta giorni.
“ “La Juventus mi ha dato tutto. Qui ho acquistato la mia mentalità vincente, quella che ti fa dire che ogni partita è una battaglia.” Pavel Nedved