Quantcast

I colleghi scrivono al gioielliere Roggero: “Tutti noi stiamo dalla tua parte, che è anche la nostra”

Ventidue orefici della zona hanno così voluto manifestare la loro vicinanza in questo momento difficile

Sono ventidue gli orefici di Langa e Roero che hanno scritto a Mario Roggero, il gioielliere coinvolto nella rapina finita nel sangue lo scorso mercoledì 28 aprile in frazione Gallo di Grinzane Cavour.

Caro Mario,

siamo i tuoi colleghi, titolari di gioiellerie, oreficerie, orologerie di Alba e del territorio. Ti scriviamo per manifestarti la nostra vicinanza in un momento che comprendiamo di grande difficoltà per te e per la tua famiglia.

Il nostro è – nell’ambito della categoria dei commercianti – forse il mestiere più rischioso, perché trattiamo una tipologia merceologica purtroppo particolarmente ambita dal crimine. Oggi ci stringiamo ancora più forte a te, quando un terribile atto come quello che il 28 aprile scorso ti ha visto malauguratamente protagonista insieme ai tuoi cari, ripete ciò che già in passato avevate provato in analoghe e drammatiche circostanze.

Vogliamo farti sapere che tutti noi stiamo dalla tua parte, che è anche la nostra: quella di imprenditori desiderosi di guardare avanti con coraggio, nonostante le difficoltà in questi lunghi mesi di pandemia, lottando contro le avversità in modo fraterno e compatto.

Il nostro unico obiettivo è quello di poter lavorare in un contesto sociale di sicurezza, che costituisce l’unica vera premessa grazie alla quale l’economia e la società possono concretamente e stabilmente progredire.

Siamo certi che tu possa percepire il sostegno dell’intera categoria.

Ti raggiunga il nostro abbraccio caloroso.”