Quantcast

Espaci Occitan di Dronero propone la letteratura occitana per tutti “Un pOC a pr’un 2021”

Esperti e studiosi presenteranno ricerche e libri dedicati a poeti occitani viventi o scomparsi, passando per le valli Gesso, Stura, Grana, Maira, Varaita, fino ad approdare alla Firenze di Dante

Con l’avvicinarsi dell’estate l’Espaci Occitan di Dronero propone sei incontri in presenza sulla letteratura occitana: esperti e studiosi presenteranno ricerche e libri dedicati a poeti occitani viventi o scomparsi, passando per le valli Gesso, Stura, Grana, Maira, Varaita, fino ad approdare alla Firenze di Dante. Gli appuntamenti si terranno il giovedì alle 18 in Espaci Occitan a Dronero.

Si comincia il 27 maggio con l’artista Ugo Giletta e Rosella Pellerino che a pochi mesi dalla scomparsa di Claudio Salvagno ricordano il poeta e scultore bernezzese con Es passat un tardor

Giovedì 3 giugno sarà la volta di Diego Anghilante, drammaturgo, direttore di «Ousitanio vivo» e curatore dell’opera completa occitana di Antonio Bodrero edita da Bompiani, che con Lou mai di rai celebrerà Barbo Toni Boudrìe a cent’anni dalla nascita.

Il 10 giugno Rosella Pellerino presenterà il Tomo I di Paraulas de femnas, prima antologia della letteratura femminile occitana curata da Paulina Kamakine e edita da Reclams, la cui sezione italiana è a cura di Espaci Occitan. Parteciperanno nove poetesse delle valli inserite nel primo volume della trilogia. Questo evento si terrà presso il Cinema Teatro Iris di Dronero, sempre alle ore 18.

Il 17 giugno si torna nei locali dell’Espaci Occitan col piemontesista Giuseppe Goria, collaboratore anche di «Ousitanio vivo», che delineerà la figura di Edver, Edmondo Vercelletti di Valdieri, autore di poesie, commedie e canzoni in occitano e piemontese, a cinquant’anni dalla scomparsa.

Giovedì 24 giugno Lucia Norbiato, amica e massima studiosa di Beppe Rosso, poeta in occitano e piemontese, presenterà in anteprima Viols. En navizant Bep Rous, raccolta da lei curata di cinque inediti del cultore di Borgo San Dalmazzo e della Valle Stura, risalenti al 1991.

L’appuntamento finale si intersecherà con la rassegna Dante e la lingua d’oc che, all’interno del programma Amor mi mosse dedicato ai 700 anni dalla morte di Dante Alighieri, proporrà sempre a Dronero una “settimana catara”. Il 1° luglio alle 18 a l’Espaci Occitan la dantista Maria Soresina parlerà di Dante, la cosmologia e il catarismo. Il 2 luglio alle ore 18 al Museo Mallé sarà inaugurata Bogre – la mostra e il 3 e 4 luglio al Cinema Iris ci sarà proiezione di BOGRE il film di Fredo Valla (Italia 2020, durata 200’).

L’ingresso è libero, ma nel rispetto delle norme di prevenzione del Covid-19 è necessaria la prenotazione per poter garantire il distanziamento. Per info e prenotazioni segreteria@espaci-occitan.org, tel. 0171.904075, www.espaci-occitan.org, Fb @museooccitano, Tw @espacioccitan.

L’iniziativa rientra nel progetto dell’Unione Montana Valle Maira finanziato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri nell’ambito del programma di interventi previsti dalla L.482/99 coordinato dalla Regione Piemonte.