Quantcast

Composta e il Consorzio Sea ti premia con il concorso “Come Faccio il Compost”

Tutti i cittadini del territorio del Consorzio S.E.A possono partecipare inviando il proprio video entro il 30 Giugno. Ai vincitori buoni da spendere presso CAP Nord-Ovest

Saluzzo. Il compostaggio è la pratica più ecosostenibile che ci sia: con il concorso “Come Faccio il Compost” promosso dal Consorzio S.E.A. può anche far vincere dei premi a chi lo fa. L’iniziativa si pone l’obiettivo di identificare e promuovere le migliori soluzioni fai-da-te nel compostaggio domestico: per partecipare basta inviare entro il 30 giugno all’indirizzo mail compost@erica.it un breve video della durata massima di 3 minuti in cui illustri la collocazione e la struttura in cui pratichi il compostaggio e mostri visivamente la qualità del compost prodotta.

I video possono descrivere concimaie agricole, buche, cumuli, strutture con pareti, composter autoprodotti ed ogni altro modo che dia compost di qualità. Il concorso è aperto a tutti i cittadini residenti nel territorio consortile che smaltiscono i propri rifiuti tramite la pratica del compostaggio.

Tutti i filmati partecipanti verranno giudicati da una commissione di esperti e le migliori tre soluzioni presentate per il compostaggio domestico riceveranno in premio un buono spesa – 100 euro al primo classificato, 50 al secondo e 30 al terzo – spendibile in un qualsiasi punto vendita della rete CAP Nord Ovest (c.d. Consorzio Agrario).

“Il compostaggio domestico è da sempre una delle pratiche a impatto zero e che consente di evitare il conferimento in discarica di uno dei materiali più presenti nella nostra pattumiera, ovvero il rifiuto organico– sottolinea Fulvio Rubiolo, Presidente del Consorzio SEA-. Con questa iniziativa vogliamo coinvolgere direttamente i cittadini nel promuovere tale pratica e incentivarla, perché consente di risparmiare e avere un ottimo fertilizzante praticamente gratis”.

Maggiori informazioni su come partecipare al concorso sono disponibili sul sito consorziosea.it o sulla pagina Facebook “Per una differenziata da Record”.