Quantcast

Chilla: “Cuneo città sicura”. Boselli: “quartiere stupito e irritato, incontrerò Prefetto”

Botta e risposta tra il dirigente delle volanti e l'ex vicesindaco di Cuneo

Cuneo. Giancarlo Boselli torna sulla colluttazione che ha portato nella mattinata di oggi (mercoledì 26 maggio) alla rottura della vetrata di un negozio in Silvio Pellico. Lo fa con un post su facebook nel quale “risponde” a quanto dichiarato ad alcuni organi di stampa dal dirigente delle volanti di Cuneo Luigi Chilla.

«Ogni giorno le Volanti della polizia intervengono per sedare liti che avvengono per lo più per futili motivi: sono interventi che riguardano tutta la città, dal centro alle periferie. Questa mattina è accaduto in via Pellico, zona centrale dove da qualche tempo noto una particolare attenzione di alcuni cittadini a segnalare ogni più piccola dinamica che in qualche modo possa turbare la quiete pubblica. Ringrazio quelle che noi definiamo “sentinelle del territorio”: sono preziose per segnalare eventuali problemi, ma chiedo di non creare inutili allarmismi, basati soprattutto su una percezione di presunta insicurezza nata, non so perchè, in questi ultimi mesi. Con segnalazioni che spesso non hanno poi riscontro oggettivo. Vorrei anche dire ai cuneesi che questa è una città sicura ma che purtroppo, a volte fanno più rumore le parole dei fatti» ha dichiarato Chilla, ripreso dal quotidiano La Stampa.

“La dichiarazione rilasciata dal dottor Chilla – commenta Boselli – sta provocando stupore e irritazione tra gli abitanti del quartiere. Ho appena chiesto di essere ricevuto dal Signor Prefetto”.