Quantcast

Saluzzo, detenuti del Morandi rinunciano al vitto per donarlo alla Caritas

"E' un gesto che ci commuove doppiamente - ha commentato il direttore Carlo Rubiolo - perché esprime sentimenti di generosa condivisione e perché viene da persone che vivono quotidianamente l'esperienza della sofferenza"

Saluzzo. Per il secondo anno consecutivo, in occasione della Pasqua, molti detenuti del “Morandi” hanno deciso di rinunciare al vitto ordinario e lo hanno donato alla Caritas Saluzzo, perché in questo momento così difficile lo utilizzi a favore delle persone più bisognose.

“E’ un gesto che ci commuove doppiamente – ha commentato il direttore della Caritas Carlo Rubiolo – perché esprime sentimenti di generosa condivisione e perché viene da persone che vivono quotidianamente l’esperienza della sofferenza. A loro, a alla Direzione della Casa di Reclusione che ha reso concretamente possibile questo gesto di solidarietà, rivolgo il più caloroso ringraziamento da parte di tutta la Caritas diocesana.”