Quantcast

Presenza di salmonella gruppo c1, Ministero della salute ritira lotto di salame dai negozi

L’avviso di richiamo di prodotti alimentari pubblicato ieri dal Ministero della salute attraverso il suo portale dedicato agli avvisi di sicurezza. Se avete acquistato il prodotto in questione, non consumarlo e riportatelo al punto vendita dove è avvenuto l’acquisto

Più informazioni su

    Un nuovo avviso di richiamo di prodotti alimentari per rischio microbiologico è stato lanciato in queste ore  dal Ministero della salute attraverso il suo portale dedicato agli avvisi di sicurezza e al richiamo di prodotti alimentari da parte degli operatori.

    Questa volta il ritiro dagli scaffali dei negozi riguarda il richiamo di un salame di cinghiale. Il motivo dell’allerta alimentare è il rischio microbiologico: presenza di salmonella gruppo c1. Sul sito la data di pubblicazione dell’allerta è quella dell’8 aprile 2021, ma sull’avviso di richiamo la data effettiva dei controlli veri e propri è quella di ieri, 7 aprile. La denominazione di vendita esatta del prodotto interessato dal richiamo è Pepe nero salame di cinghiale a marchio Renzini.

    Il prodotto è commercializzato dalla Renzini S.p.a. con sede dello stabilimento in via D.Renzini, 2 06019 Montecastelli (PG). Il marchio di identificazione del produttore è IT 645-L CE mentre il numero di lotto ritirato dalla vendita è 61104910. Il termine minimo di conservazione è il 24 Aprile 2021. Il salame è venduto in confezioni da 0,200 Kg. Nelle avvertenze si legge la richiesta di richiamo del prodotto, con comunicazione al consumatore di non utilizzare il prodotto e riportarlo ai punti vendita dove è stato effettuato l’acquisto. La scelta di richiamare il loto di salame è scattato a seguito di controlli a campione che hanno rilevato la presenza di salmonella in una unità su cinque unità campionarie. La salmonella è uno degli agenti batterici  più comuni nei casi di infezioni trasmesse da alimenti e può dare vita alla salmonellosi. I principali serbatoi dell’infezione sono rappresentati dagli animali e i loro derivati (come carne, uova e latte consumati crudi o non pastorizzati). La salmonellosi quindi viene trasmessa attraverso l’ingestione di questi cibi o bevande contaminate o per contatto ed è responsabile soprattutto di infezioni gastrointestinali che possono portare a sintomi come vomito, diarrea e dolore addominale. Per precauzione, Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, raccomanda di non consumare il salame con il numero di lotto segnalato e restituirlo al punto vendita. Si ricorda che l’autorità, in questo caso il Ministero della Sanità, può anche stabilire la revoca del ritiro e del richiamo dei prodotti.

    Più informazioni su