Quantcast

Nel 2020 in provincia di Cuneo hanno aperto 909 nuove imprese guidate da imprenditori under 35

"Sono poco meno di mille i giovani che, nonostante le difficoltà legate alla pandemia, hanno scelto di fare impresa nel 2020 entrando da protagonisti nel mondo del lavoro" sottolinea il presidente Mauro Gola

Più informazioni su

A fine 2020 sono 5.880 le imprese giovanili iscritte nel Registro imprese della Camera di commercio di Cuneo e costituiscono l’8,9% delle attività aventi sede legale sul territorio provinciale. Quanto alla rappresentatività, l’imprenditorialità giovanile vede una buona presenza di imprese femminili (29,2%) e di nazionalità straniera (14,8%). Questa è la fotografia del tessuto imprenditoriale under 35 della provincia Granda messa a fuoco dall’analisi dei dati di InfoCamere.

“Sono poco meno di mille i giovani che, nonostante le difficoltà legate alla pandemia, hanno scelto di fare impresa nel 2020 entrando da protagonisti nel mondo del lavoro – sottolinea il presidente Mauro Gola –. Queste realtà, seppur di piccole dimensioni e poco strutturate, contribuiscono a disegnare il futuro della nostra economia, rappresentano un tassello importante nella diffusione dell’innovazione e della sostenibilità ambientale, tematiche strategiche alle quali le giovani generazioni guardano con grande interesse e sensibilità. Inoltre, il ruolo di questi giovani capitani d’impresa è determinante per assicurare il ricambio della base produttiva”.

Nell’anno da poco concluso il Registro imprese camerale ha contato la nascita di 909 iniziative imprenditoriali guidate da giovani con meno di trentacinque anni. Sono invece 363 quelle che, nello stesso periodo, hanno cessato la propria attività. Il risultato di queste due dinamiche ha consegnato un saldo positivo pari a 546 imprese.

Nel Cuneese il tasso di crescita delle imprese amministrate da giovani è dell’8,9%, di poco inferiore rispetto a quello piemontese (10,0%) e nazionale (9,2%). Le 5.880 imprese giovanili cuneesi rappresentano il 15,5% delle 37.875 realtà guidate da giovani registrate in Piemonte.

Nel 98,5% dei casi si tratta di micro imprese, ovvero aziende con un numero di dipendenti inferiore alle dieci unità: se, infatti, il tessuto provinciale è costituito in maggioranza da micro, piccole e medie imprese, questi dati evidenziano come il sottodimensionamento sia anche più diffuso tra le giovani realtà.

L’analisi per settori evidenzia come il primo comparto per numerosità sia quello degli altri servizi (servizi di supporto alle imprese, attività professionali, scientifiche, tecniche, altri servizi, etc.) che pesa per il 27,7% delle imprese giovanili attive nel Cuneese. Seguono agricoltura (22,4%), commercio (18,5%) e costruzioni (13,8%). La distribuzione settoriale dell’imprenditorialità under 35 evidenzia talune differenze rispetto alla base produttiva provinciale che vede nell’agricoltura il primo settore di attività con una quota del 28,8%, seguito da altri servizi (23,0%), commercio (17,7%) e costruzioni (13,3%).

Dall’analisi per classe di natura giuridica si osservano alcune peculiarità rispetto al sistema imprenditoriale considerato nel suo insieme. Tra le imprese giovanili cuneesi le ditte individuali rappresentano la forma giuridica più diffusa con una percentuale superiore a quella rilevata nell’universo imprenditoriale cuneese (80,9% a fronte del 62,5%). Minore è, di conseguenza, l’incidenza delle altre tipologie organizzative: le società di persone sono il 10,9% (22,3% per il totale delle imprese), le società di capitale il 7,1% (13,0% per il totale delle imprese). Da segnalare, infine che la voce altre forme giuridiche, in cui trovano spazio le cooperative e i consorzi, pesa per  l’1,1% del totale complessivo.

Più informazioni su