Quantcast

“Discriminati e penalizzati da un Governo di incapaci”: ItalExit Cuneo con ambulanti e contesta Cirio

Il segretario provinciale Alessandro Balocco: "Cirio viene in piazza a manifestare spacciandosi come una sorta di politico dalla parte del popolo ma evidentemente si è scordato di tutte le promesse disattese in questi mesi come Presidente della Regione"

Nella giornata di oggi Italexit ha partecipato alla manifestazione di Piazza Galimberti indetta dagli ambulanti per chiedere la riapertura di mercati e fiere. Da troppi mesi questa categoria, da cui dipendono le sorti di decine di migliaia di famiglie in tutta Italia, è ostaggio di una classe politica incompetente che accusa i mercati e gli eventi all’aperto di essere potenziali focolai ma poi permette alla gente di accalcarsi nei centri commerciali. Le chiusure forzate non sono mai state accompagnate da ristori adeguati e chi oggi era in piazza si ritrova con le spalle al muro.

Alessandro Balocco, segretario provinciale di Italexit – Cuneo, commenta così l’adesione del partito alla manifestazione: “Da nord a sud, Italexit è costantemente al fianco delle categorie economiche e sociali più colpite: sono le vittime di un governo succube delle multinazionali che poi si accanisce sui più deboli per giustificare la propria esistenza. La causa di questa emergenza non è da ricercare nei mercati o nelle fiere bensì nei tagli indiscriminati fatti alla sanità per rispettare i diktat dell’Unione Europea”.

Balocco è scettico sulla presenza di Cirio alla manifestazione: “Viene in piazza a manifestare spacciandosi come una sorta di politico dalla parte del popolo ma evidentemente si è scordato di tutte le promesse disattese in questi mesi come Presidente della Regione. Soprattutto qualcuno dovrebbe avvisarlo che i partiti che lo appoggiano in Regione adesso fanno parte del Governo: sta dunque manifestando contro i suoi stessi colleghi?”