Quantcast

Coldiretti Cuneo esorta a garantire le risorse alle filiere in crisi

Un'azienda agricola su 5 è in crisi per la chiusura della ristorazione. Urgente proroga dello stop alle rate dei mutui

È importante aver ottenuto il taglio del costo del lavoro ma occorre rafforzare le misure di sostegno all’agricoltura nei settori che hanno avuto perdite più rilevanti come quello dell’allevamento, dell’agriturismo, del vino e della birra ma anche promuovere l’economia circolare. È quanto ha chiesto Coldiretti all’audizione sul DL Sostegni alla Commissione Bilancio del Senato proprio in occasione della diffusione dei dati Istat dai quali emerge che più di quattro aziende agricole su dieci (40,8%) non hanno ricevuto alcun tipo di sostegno economico. La Coldiretti ha chiesto anche la proroga della sospensione delle rate di mutui bancari ed ha formulato al Ministero delle Politiche Agricole una proposta per il riparto del fondo filiere, a favore dei settori più danneggiati.

Su quasi una azienda agricola su cinque (18%) pesa la riduzione della domanda di prodotti provocata soprattutto dal crollo del turismo e dal taglio degli acquisti da parte dei bar, ristoranti, agriturismi e pizzerie costretti alla chiusura. È quanto emerge dall’analisi della Coldiretti sui dati Istat relativi al periodo compreso tra il 2020 e il 2021. Tra le preoccupazioni – sottolinea la Coldiretti – emerge anche l’impatto dell’aumento dei costi di produzione (7,5%) che riguarda le materie prime, dai prodotti energetici agli alimenti per il bestiame, mentre il 6,9% segnala la mancanza di liquidità per fare fronte alle spese correnti. Uno scenario preoccupate con il 9,5% delle aziende agricole che ritiene che non sia possibile tornare alla situazione antecedente all’emergenza Covid.

“Nonostante le difficoltà durante la pandemia – fa notare Roberto Moncalvo, Delegato Confederale Coldiretti Cuneo – le nostre imprese non hanno comunque mai smesso di lavorare per garantire la continuità delle forniture alimentari sugli scaffali di negozi e supermercati e consentire quindi alle famiglie di fare la spesa. L’emergenza globale provocata dal Covid ha fatto emergere una consapevolezza diffusa sul valore strategico rappresentato dal cibo e sulle necessarie garanzie di qualità e sicurezza e ora, per cogliere l’ opportunità storica del Recovery Plan, abbiamo elaborato e proposto per tempo progetti concreti immediatamente cantierabili per l’agroalimentare con una decisa svolta verso la rivoluzione verde, la transizione ecologica e il digitale in grado di offrire un milione di posti di lavoro green entro i prossimi 10 anni. È necessario cercare  di far ripartire tutti i settori il prima possibile, in totale sicurezza, ma, allo stesso tempo è fondamentale sostenere con misure adeguate le imprese agricole del nostro territorio ed insieme ad esse l’intera economia provinciale e l’occupazione.

“Sono più di 4000, tra indotto e filiera, le aziende che in Granda – aggiunge Fabiano Porcu, Direttore di Coldiretti Cuneo –   operano nel settore di ristorazione e turismo. Dalla carne, ai salumi, dal vino ai formaggi sono diversi i prodotti alimentari cuneesi di eccellente qualità che trovavano sbocco principalmente nella ristorazione. Ora è fondamentale riuscire a salvare la stagione estiva.

Per maggiori informazioni visitare il sito web https://cuneo.coldiretti.it