Quantcast

Anaao Assomed Piemonte: “Richiesta del Dirmei di ridurre le ferie è offensiva”

"Come se i medici, e tutto il personale ospedaliero, non avessero dato prova a sufficienza del loro spirito di servizio, della loro abnegazione, ma fossero al contrario pronti per le gite fuori porta. Ricordiamo che in Sanità, i ponti, le lunghe festività di Pasqua, Natale, Carnevale, non esistono" si legge nel comunicato

E’ arrivata dal Dirmei la richiesta ai medici di ridurre le ferie durante le festività pasquali. Ed è arrivata la dura replica dell’Anaao Assomed Piemonte.

“Rispediamo al mittente l’offensiva Circolare del Dirmei con cui si richiede alle Aziende di garantire le turnazioni del personale medico, in relazione alle necessità delle condizioni dei pazienti, anche in periodo delle festività pasquali – si legge nel comunicato di Anaao Assomed – La circolare richiede di limitare le ferie, in pratica. Come se i medici, e tutto il personale ospedaliero, non avessero dato prova a sufficienza del loro spirito di servizio, della loro abnegazione, ma fossero al contrario pronti per le gite fuori porta. Ricordiamo che in Sanità, i ponti, le lunghe festività di Pasqua, Natale, Carnevale, non esistono. Le attività di reparto e di Pronto Soccorso proseguono sempre, giorno e notte. Pare necessario ricordare che il nostro calendario lavorativo non coincide con il calendario scolastico. Da marzo 2020, anche durante le domeniche, il personale è potenziato: abbiamo saltato ferie, riposi, recuperi ore. Non abbiamo certo aspettato che qualcun altro che non fossero i pazienti, ce lo chiedesse. Sarebbe forse il caso che il Dirmei si occupasse di garantire il potenziamento dell’attività territoriale, anziché quella ospedaliera. E di verificare che nessuno dei vertici del Dirmei, Unità di Crisi o assessorato abbia intenzione di partire per qualche viaggio, per esempio di nozze”.