Quantcast

Tornati a casa i due fratelli maggiori dei 4 allontanati dalla madre nel novembre 2019

A stabilire il rientro un provvedimento del Tribunale dei minori di Torino

Oggi F. e C. sono tornati nella loro casa. Una notizia che mamma Alma aspettava da tempo, per la quale ha sempre lottato in tutti questi lunghi mesi.

Dal novembre 2019 i suoi figli erano stati allontanati dalla madre e affidati in un primo momento ai nonni paterni successivamente i tre più grandi divisi in comunità differenti e la piccola affidata ad una famiglia.

“Siamo felici per la notizia del rientro a casa dalla mamma di due dei quattro fratelli di Cuneo. È ciò che i fratelli hanno chiesto con tutte le loro forze da ormai quasi un anno lanciando grida d’aiuto a tutte le Istituzioni” è quanto dichiarato in una nota stampa Tommaso Varaldo, Presidente dell’Associazione Infanzia e Famiglia AIEF.

Continua Varaldo: “Restano evidenti perplessità sulla vicenda, a cominciare del diritto dei minori di veder rispettate le proprie volontà. Il Giudice, che è tenuto per legge all’ascolto, non è il mero esecutore dei desideri espressi dai minori, ma una decisione contraria alle volontà espresse deve essere accompagnata da motivazioni tanto più puntali quanto più il minore abbia, anche in ragione dell’età, mostrato capacità di discernimento. Resta il quesito: in questo caso, come in altri, si è sicuri di aver agito sempre nel supremo interesse del minore? E se la risposta fosse negativa chi potrà mai risarcire i minori di eventuali mancanze o trascuratezze del sistema che doveva tutelarli?”

A stabilire il rientro un provvedimento del Tribunale dei minori di Torino. Come ha spiegato l’avvocato Donati a Cuneo24 che, con l’avvocato Morace aveva recentemente presentato istanza di rientro. Istanza accolta oggi, mercoledì 17 marzo, “in quanto è stato appurato che la soluzione della comunità non stava producendo gli effetti che avrebbe dovuto”ha concluso l’avvocato Donati.

La felicità di un’Alma quasi incredula traspare nella sua voce: “Non riesco a rispondere a tutti i vostri messaggi pertanto vi rispondo così con un semplice Grazie di cuore per tutti voi che mi avete sostenuto, mi avete aiutata, grazie, grazie infinite.”

Adesso la “lotta” continua per i due “piccoli”, uno in comunità e l’altra con la famiglia affidataria. Non si conosce la tempistica ma certamente la strada che si continua a percorrere è quella di riunione i quattro fratellini alla mamma.