Quantcast

I Radicali cuneesi scrivono a Regione, Sindaco e vertici dell’Università in merito alla chiusura delle scuole

È stato consegnato ieri a tutti gli organi di dovere un documento di cinque pagine in cui non solo sono state elencate le numerose difficoltà di studenti e famiglie, ma sono state avanzate proposte costruttive per nuovi approcci di didattica outdoor.

L’Associazione Radicali Cuneo – Gianfranco Donadei, ha inviato ieri, (24 marzo) tramite posta certificata, una relazione redatta con la collaborazione di tre psichiatre, le Dott.sse Brizio, Macagno e Squarcione, indirizzata al Presidente della Regione Piemonte Alberto Ciro, al Presidente della Provincia di Cuneo Federico Borgna, all’Ufficio scolastico Regionale ed al Rettore dell’Università degli Studi di Torino Prof. Stefano Geuna, in merito alla chiusura di scuole e Università, ed ai danni dovuti alla didattica a distanza.

Dichiarano Alexandra Casu e Filippo Blengino (Radicali): “Nelle cinque pagine redatte non si parla solo delle difficoltà affrontate dalle famiglie e dai ragazzi, dalla scuola dell’infanzia all’università, ma si cerca di dare un contributo costruttivo, proponendo nuovi approcci dalla didattica outdoor, allo sport e, soprattutto, auspicando ad un’organizzazione regionale per il periodo estivo. Consapevoli della grave condizione sanitaria in cui si trova la regione Piemonte, crediamo sia necessario guardare oltre e trovare delle soluzioni che risanino la situazione, finché possibile, ipotizziamo una serie di progetti del tutto applicabili, non tanto di apprendimento, ma di esperienza.”

Il testo completo della relazione è consultabile a questo link, dove si può anche sottoscrivere l’appello in proposito.