Quantcast

Cuneo, interventi per migliorare la biodiversità al Parco fluviale foto

Sant’Anselmo è senza dubbio una delle aree più importanti del Parco fluviale in quanto a varietà d’ambienti, per le numerose risorgive presenti nelle radure e nelle aree boscate, le quali contribuiscono a creare numerosi habitat ideali per molte specie

In questi giorni sono in fase di conclusione i lavori legati ad un intervento di miglioramento della biodiversità nell’area del Bosco di Sant’Anselmo, area a Parco naturale del Parco fluviale Gesso e Stura.

Sant’Anselmo è senza dubbio una delle aree più importanti del Parco fluviale in quanto a varietà d’ambienti, per le numerose risorgive presenti nelle radure e nelle aree boscate, le quali contribuiscono a creare numerosi habitat ideali per molte specie. Tra queste i lepidotteri, e in particolare la Maculinea Arion, una farfalla xero-termofila con un ciclo biologico altamente specializzato.

L’intervento realizzato ha l’obiettivo specifico di favorire la presenza dell’habitat riproduttivo della Maculinea Arion, attraverso il diradamento degli arbusti, la stesura localizzata di terreno vegetale e la coltivazione di Origanum vulgare, abitualmente conosciuto come Origano comune, utile per potenziare la possibilità riproduttive del lepidottero. Nell’area contigua adiacente, dove la biodiversità è in parte compromessa per la diffusione di specie arboree e arbustive invasive, si interverrà al fine di migliorare la vegetazione autoctona e conservare la prateria arida.

L’intervento è cofinanziato dall’Unione Europea attraverso il FEASR – Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale nell’ambito del P.S.R. 2014-2020, operazione 4.3 “Salvaguardia, ripristino e miglioramento della biodiversità”.

Sempre in questi giorni sono inoltre partiti i lavori nell’area di Crocetta, anch’essa all’interno dei 1055 ettari di Parco naturale all’interno del Parco fluviale Gesso e Stura. Anche qui si tratta di interventi per il miglioramento della biodiversità cofinanziato dal medesimo fondo FEASR – Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale nell’ambito del P.S.R. 2014-2020, operazione 4.4.3 “Salvaguardia, ripristino e miglioramento della biodiversità”.

L’intervento prevede una serie di interventi finalizzati al ripristino e al miglioramento di un’articolata sequenza di ambienti caratteristici dell’area fluviale compresa nel Parco naturale “Crocetta” e nell’adiacente area contigua.

Nello specifico l’intervento riguarda azioni di ripristino e di potenziamento dell’area umida in parte già esistente, con il recupero dell’attuale stagno quasi completamente invaso da Thipha latifolia. Sarà inoltre realizzato un secondo bacino a bassa profondità, con l’obiettivo di integrare e completare l’ambiente acquatico adatto allo sviluppo degli anfibi e in modo particolare del Tritone crestato (Triturus carnifex). Il nuovo stagno occuperà una porzione di circa 1100 mq a monte di quello esistente, al quale sarà raccordato attraverso un piccolo canale a cielo aperto. Per alimentare i bacini durante la stagione riproduttiva di anfibi e insetti e permettere irrigazioni di soccorso delle superfici circostanti saranno recuperati due canali irrigui di adduzione esistenti.

Nell’area contigua adiacente sono previste azioni per il miglioramento dell’habitat forestale attraverso la diffusione di specie arboree e arbustive autoctone, il controllo di quelle invasive e la salvaguardia della cotica prativa esistente.

La conclusione dei lavori è prevista per l’autunno 2021.