Quantcast

Bonus montagna 2021 per maestri di sci e agenzie di viaggio: il Piemonte apre i termini per le richieste

Le indicazioni per ottenere il contributo economico saranno consultabili dalle 9 di lunedì 29 marzo sui siti di Regione Piemonte e Finpiemonte

Bonus montagna 2021 Piemonte, finalmente ci siamo: è in arrivo una boccata d’ossigeno per maestri di sci e agenzie di viaggio.

La comunicazione ha assunto i crismi dell’ufficialità nelle scorse ore. In particolare, da lunedì 29 marzo e fino al 30 aprile 2021 saranno aperte le domande di richiesta di contributo economico dedicate a maestri di sci alpino e di snowboard iscritti all’albo del Collegio regionale e per agenzie di viaggio, tour operator e servizi di prenotazione e attività connesse, danneggiate dalla mancata apertura delle stazioni sciistiche nel corso dell’inverno appena archiviato.

Come si legge nella nota diramata dalla Regione Piemonte, per i maestri di sci alpino e di snowboard che hanno effettuato più di 300 ore nella stagione sciistica 2018-2019 o nella stagione 2019-2020 il risarcimento è di 2mila euro; per chi ha effettuato da 150 a 300 ore nella stagione sciistica 2018-2019 o nella stagione 2019-2020 è di mille euro; per chi ha effettuato meno di 150 ore nella stagione sciistica 2018-2019 o nella stagione 2019-2020, è di 200 euro; per i nuovi maestri di sci e di sci nordico iscritti nell’elenco regionale dal 1° settembre 2020, è previsto un rimborso di 600 euro.

Per ciò che concerne invece agenzie di viaggio, tour operator e servizi di prenotazione e attività connesse (codici Ateco 79; 79.1; 79.11; 79.11.0; 79.11.00; 79.12; 79.12.0; 79.12.00; 79.9; 79.90; 79.90.1; 79.90.11; 79.90.19) aventi sede legale in Piemonte e attive al 30 dicembre 2020, sono previsti 1.500 euro di sostegno una tantum.

Le indicazioni per ottenere il bonus saranno consultabili dalle 9 di lunedì 29 marzo sui siti di Regione Piemonte e Finpiemonte.

“La Regione – dichiarano il governatore, Alberto Cirio, e l’assessore al Turismo, Vittoria Poggio – ha fatto il possibile, mettendo a disposizione risorse economiche che rappresentano una boccata di ossigeno per gli operatori del settore e per i professionisti della montagna. Ci siamo assunti l’impegno di mantenere alta l’attenzione nei confronti di questo pilastro della nostra economia”.

Intanto, per tenere fede al percorso di ripresa del comparto concordato nelle settimane scorse tra la Regione e gli operatori dello sport, l’assessore Fabrizio Ricca ha incontrato il ministro al Turismo Massimo Garavaglia: “Gli ho esposto le preoccupazioni degli operatori del settore, piegati dalla crisi, e ho chiesto chiarimenti sull’ultimo Decreto Sostegni. Le risposte ricevute sono state più che soddisfacenti: saranno le Regioni, infatti, a gestire i fondi che il Governo destinerà al comparto e questi fondi per la montagna saranno una quota importante del denaro impegnato per il supporto al turismo. Il criterio di ripartizione si baserà sul numero di biglietti venduti dalle stazioni sciistiche nel 2019, ma il ministro si è detto disponibile ad aprire anche all’ipotesi che vengano presi in considerazione i numeri degli anni precedenti”.