Quantcast

Alba, un minuto di silenzio e bandiere a mezz’asta per la Giornata nazionale delle vittime del Covid

"Non avremmo mai immaginato di trovarci oggi, un anno dopo, ancora in questa situazione e l’unico desiderio che abbiamo è di poter scrivere presto la parola fine” ha commentato il primo cittadino Carlo Bo

Alba. Anche la Città di Alba celebra oggi, 18 marzo, la prima Giornata nazionale per le vittime dell’epidemia da coronavirus, data in cui un anno fa, a Bergamo, i mezzi militari sono stati usati per il trasporto delle salme.

Il sindaco Carlo Bo questa mattina ha aderito alla proposta dell’Anci, l’Associazione nazionale comuni italiani: in concomitanza con l’arrivo a Bergamo del Presidente del Consiglio dei Ministri, Mario Draghi, alle 11, l’associazione ha invitato i primi cittadini a ritrovarsi davanti ai propri municipi, indossando la fascia tricolore, per osservare un minuto di silenzio al cospetto della bandiera italiana esposta a mezz’asta.

Oggi il pensiero va ad ognuna delle vittime della pandemia e alle loro famiglie – afferma il sindaco Carlo Bo -. Le immagini di quel che accadeva a Bergamo il 18 marzo 2020 rimarranno indelebili nelle nostre menti, simbolo di quest’anno drammatico e del senso di rabbia e impotenza che ciascuno di noi ha provato di fronte a tutto questo. Non avremmo mai immaginato di trovarci oggi, un anno dopo, ancora in questa situazione e l’unico desiderio che abbiamo è di poter scrivere presto la parola fine”.