Quantcast

Sabato 20 febbraio sit-in dei Radicali cuneesi per protestare contro il nuovo regolamento di Fossano

L’associazione radicale della provincia aveva già espresso più volte il proprio disappunto nei confronti del nuovo regolamento della Polizia Municipale fossanese, definendolo “proibizionista”. Sabato prossimo in Piazzetta Manfredi alle ore 17 manifesterà attivamente contro le nuove regole.

Recentemente il Comune di Fossano ha approvato un nuovo regolamento che ha destato grande stupore presso l’Associazione Radicali Cuneo – Gianfranco Donadei. In modo particolare sono state pesantemente criticate dal gruppo politico nato la scorsa estate alcune delle regole restrittive che esso prevede, definite dall’associazione come “proibizioniste”. Tra quelle che hanno destato maggiore stupore ci sono nella fattispecie il divieto di consumare bevande alcoliche (eccetto la birra) nei luoghi pubblici, il divieto di sdraiarsi sul manto erboso se non di giorno e nella notte di San Lorenzo, il divieto per i bambini di più di otto anni di giocare a pallone nei luoghi pubblici, il divieto di sedersi sugli scalini (pubblici e privati) e l’obbligo di coprire le vetrine dei negozi chiusi con carta a tinta unita (no pagine di giornali o carte variopinte):

I Radicali cuneesi hanno così provveduto ad organizzare, insieme alla sezione fossanese del PD, un sit-in di protesta contro questo nuovo regolamento. La manifestazione si terrà sabato 20 febbraio alle ore 17 in Piazzetta Manfredi. A partire dalle 15.30, inoltre, sul posto sarà allestito anche un banchetto informativo sulla situazione in esame e sulle attività dei Radicali in generale.

La speranza del Segretario dei Radicali cuneesi Filippo Blengino è che la cittadinanza fossanese accorra numerosa: “Il nuovo regolamento proibizionista di Fossano è un qualcosa di insensato e limitativo della libertà. Normare in questo modo la vita dei cittadini, con disposizioni ridicole come quelle approvate dal consiglio comunale, fa ribrezzo”.

Sulla stessa linea di pensiero anche Stefano Gemello, referente del circolo fossanese del PD: “Come PD Fossanese, sosteniamo e promuoviamo certamente l’iniziativa. Il nostro gruppo consiliare, insieme alle liste civiche a sostegno di Paolo Cortese, nelle sedi istituzionali ha cercato – invano – di impedire l’approvazione, o quantomeno di emendare gli articoli maggiormente restrittivi, di tale Regolamento. Benvenute dunque tutte le iniziative che cercano di sensibilizzare i cittadini su un tema così rilevante”.