Quantcast

Prima zona rossa in Piemonte: sospese anche le lezioni in presenza nelle scuole

Pochi minuti fa il presidente Alberto Cirio ha ratificato la decisione dopo un incontro con i rappresentanti degli enti locali e i prefetti

Primo lockdown territoriale in Piemonte: da domani pomeriggio alle 18 il comune di Re, nel Verbano Cusio Ossola, sarà zona rossa (l’ordinanza sarà valida fino a venerdì 26 febbraio).

La decisione è stata assunta oggi dopo un incontro del presidente della Regione Piemonte, Alberto Cirio, con i rappresentanti degli enti locali e i prefetti. Presenti anche il vicepresidente regionale Fabio Carosso e l’assessore alla Sanità, Luigi Genesio Icardi.

Contestualmente, verrà anche sospesa l’attività didattica in presenza nelle scuole di ogni ordine e grado della val Vigezzo, con ordinanze emesse dai sindaci del territorio.

“Una decisione che si è resa necessaria dato l’improvviso incremento di casi registrato nell’ultima settimana a Re – ha asserito il governatore –. In questo piccolo Comune, su circa 750 abitanti, sono emersi 37 soggetti positivi negli ultimi 7 giorni. Non sappiamo ancora se questi casi siano dovuti a una variante, ma è comunque una incidenza molto elevata e abbiamo ritenuto necessario intervenire per tutelare la salute delle persone che popolano la vallata”.