Quantcast

“Per chi suona la montagna”: Prato Nevoso e Artesina partecipano al flash mob nazionale per far sentire la propria voce

L'iniziativa, ideata dal direttore Marco Di Marco di "Sciare Magazine" e a cui ha aderito anche l'Uncem, andrà in scena alle 10 di venerdì 5 febbraio nella piazza della chiesa parrocchiale di Frabosa Sottana

Anche le stazioni sciistiche di Artesina e Prato Nevoso, appartenenti al comprensorio del Mondolé Ski, parteciperanno unitamente all’amministrazione comunale di Frabosa Sottana all’iniziativa “Per chi suona la Montagna”, ideata dal direttore Marco Di Marco di “Sciare Magazine” e a cui ha aderito anche l’Uncem.

Trattasi, nello specifico, di un evento dal valore fortemente simbolico per non dimenticare il grave momento di difficoltà di tutto il comparto neve e di chi vive e lavora in montagna. Però, nel contempo, vuole essere un augurio collettivo – in prospettiva dei Giochi Olimpici invernali del 2026 – ai campionati del mondo di sci alpino di Cortina, che inizieranno a 48 ore di distanza, il 7 febbraio.

Così, alle 10 di venerdì 5 febbraio, si ritroveranno nella piazza della chiesa parrocchiale di Frabosa Sottana le rappresentanze di maestri di sci, esercenti, commercianti, ristoratori, albergatori, impiantisti, professionisti della neve e dell’indotto, nonché vertici delle società che gestiscono gli impianti sciistici e amministratori comunali per ascoltare le campane, il cui minuto di suono sarà simbolo di unità e solidarietà della montagna tutta, dalle Alpi agli Appennini.