Quantcast

Nuovo decreto legge Covid, la novità: in zona rossa no a spostamenti verso abitazioni private abitate

Permane invece nelle aree gialle e arancioni la possibilità, una sola volta al giorno, di spostarsi verso un'altra abitazione privata abitata, tra le 5 e le 22, in massimo due persone (esclusi dal computo i figli minori di 14 anni e i soggetti non autosufficienti)

Il nuovo decreto legge Covid è stato approvato ufficialmente dal Consiglio dei Ministri, che ha dato dunque il proprio via libera alla proroga del divieto di spostamenti tra regioni fino al 27 marzo, come anticipavamo su queste colonne nella giornata di ieri.

La vera novità rispetto alle norme stabilite dal Governo Conte, consiste nello stop alla mobilità in zona rossa verso abitazioni private abitate, salvo che siano dovuti a motivi di lavoro, necessità o salute.

Permane invece nelle aree gialle e arancioni la possibilità, una sola volta al giorno, di spostarsi verso un’altra abitazione privata abitata, tra le 5 e le 22, in massimo due persone (esclusi dal computo i figli minori di 14 anni e i soggetti non autosufficienti).

Nelle zone arancioni, inoltre, consentiti gli spostamenti per 30 chilometri da Comuni con popolazione inferiore ai 5mila abitanti.