Quantcast

La fossanese Sabrina Olivero presidente della Federazione Italiana Baseball e Softball Piemonte

"Sono molto onorata di essere stata scelta per la presidenza. I primi quattro anni in consiglio sono stati impegnativi, ma molto utili per comprendere le necessità di un’organizzazione complessa, in questo mandato mi auguro di poter metter a frutto questa esperienza per raggiungere gli obiettivi che ci siamo posti con il nuovo gruppo di lavoro" le parole della neo-eletta

E’ stato rinnovato il direttivo della Federazione Italiana Baseball e Softball Piemonte.

Nella carica di presidente è stata eletta la fossanese Sabrina Olivero, dirigente del Baseball Club Fossano, già Vicepresidente nello scorso quadriennio. I suoi Consiglieri regionali per i prossimi quattro anni saranno Isabella Dalbesio, Nadia Conti, Giuseppe Rizzi e Paolo Murgia.

Vicepresidente del Baseball Club Fossano, 50 anni, ragioniera e titolare di uno Studio di Amministrazione Immobiliare, Sabrina è al suo secondo mandato nel Consiglio che guida il baseball e il softball regionali e si dedicherà al coordinamento del team che dovrà sviluppare nuove iniziative riguardanti il settore giovanile e il mondo della scuola e della promozione in generale.

“Sono molto onorata di essere stata scelta per la presidenza. I primi quattro anni in consiglio sono stati impegnativi, ma molto utili per comprendere le necessità di un’organizzazione complessa, in questo mandato mi auguro di poter metter a frutto questa esperienza per raggiungere gli obiettivi che ci siamo posti con il nuovo gruppo di lavoro. Lo sport è un’attività fondamentale per i ragazzi e la scuola è la sede naturale in cui cominciare a praticarlo. Vorrei sviluppare un progetto che porti il baseball e il softball ovunque: nelle scuole, nei parchi, nei centri cittadini e commerciali. E’ un’operazione non semplice, ma che credo possa riscontrare un grande successo sia fra i ragazzi, sia tra le famiglie e abbiamo intenzione di espanderlo non appena le condizioni sanitarie lo consentiranno. Favorire la realizzazione di esperienze di questo tipo in tutto il Piemonte sarà uno dei miei obiettivi principale per i prossimi quattro anni.”