Quantcast

Fratelli d’Italia tuona: “L’ospedale di Cuneo sia ubicato nell’area del Carle”

"Saremo sempre in prima linea per lavorare anche in questo caso a costante tutela degli interessi dei nostri cittadini"

Il gruppo consiliare Fratelli d’Italia ha votato con convinzione a favore dell’ubicazione dell’ospedale unico di Cuneo presso l’area del Carle.

Una scelta, spiegano i consiglieri comunali Massimo Garnero e Alberto Coggiola, maturata dopo aver audito i vari tecnici addetti ai lavori e gli stessi medici primari.

“Tuttavia – proseguono -, con la stessa convinzione, abbiamo sollevato alcuni problemi fondamentali da risolvere per far sì che l’area deputata a ricoprire questo importantissimo ruolo sia effettivamente la migliore. In primo luogo, il sindaco e la sua maggioranza avrebbero dovuto coinvolgere più seriamente e coerentemente i comitati di quartiere, allargando e condividendo con l’intera cittadinanza questa importantissima decisione, che avrà degli effetti significativi e a lungo termine per la nostra città”.

Ciò premesso, restano però alcuni punti fondamentali che devono essere risolti, a detta di Garnero e Coggiola. Quali?

1) L’implementazione della viabilità in direzione del Carle, con un aumento significativo dei collegamenti, che devono diventare più frequenti e accessibili a tutti;

2) la destinazione del Santa Croce, una volta dismesso: al momento, non è ancora stato deciso quale sarà il futuro dell’attuale ospedale cittadino, dopo la sua chiusura a favore del nuovo ospedale unico. Crediamo sia di massima importanza affrontare questo nodo immediatamente, in modo che non venga abbandonato a se stesso, diventando un covo della criminalità locale, un luogo di ritrovo di gruppi che possono creare disagio alla cittadinanza o ancora un dormitorio non autorizzato.

3) la definizione chiara dei tempi di realizzazione: non possiamo rischiare che, come accaduto ad esempio per l’ospedale di Verduno, recentemente inaugurato, i tempi si allunghino indiscriminatamente sino a diventare di fatto infiniti;

4) il mantenimento e il miglioramento degli standard di qualità del nostro servizio sanitario, garantito anche dalla qualifica del polo di Cuneo quale hub sanitario regionale, che rappresenta una indiscussa eccellenza sul panorama piemontese e nazionale e che non può e non deve permettersi alcun tipo di taglio.

“Fratelli d’Italia – concludono – sarà sempre in prima linea per lavorare anche in questo caso a costante tutela degli interessi dei nostri cittadini”.