Quantcast

Europa Verde Cuneo ricorda il politico e “vero ecologista” Alex Langer

Il 22 febbraio avrebbe compiuto 75 anni. Tra i fondatori del movimento dei Verdi, Langer è uno dei padri del movimento ecologista italiano ed europeo, dedicando la sua vita all’uguaglianza e all’ecologia, seguendo una linea di pensiero ancora attualissima oggi.

Attraverso un post su Facebook il gruppo politico di Europa Verde Cuneo commemora l’anniversario della nascita di Alex Langer. Politico, scrittore, giornalista e docente, Langer, originario di Vipiteno, si è battuto per tutta la vita in nome dell’uguaglianza e della salvaguardia ambientale. È stata una figura chiave nel rendere l’ecologia un tema sentito e accolto come priorità dai cittadini, contribuendo a fondare il partito dei Verdi, con cui riuscì anche a farsi eleggere nel Parlamento Europeo. È morto, suicida, il 3 luglio del 1995. Ecco le dichiarazioni dei suoi seguaci cuneesi.

Il 22 febbraio 2021, Alex Langer avrebbe compiuto 75 anni.

Cosa ci hanno lasciato il suo pensiero e la sua azione oggi che Draghi vuole inserire l’ambiente nei valori costituzionali?

Da un anno la Fondazione Langer lavora per celebrare il suo ricordo e le sue idee, a partire dalla pubblicazione dell’antologia “Quei ponti sulla Drina”.

La ricorrenza del suo compleanno si è svolta con eventi online in collegamento con studiosi, autori e giornalisti come Federico Faloppa e Roberta Dapunt. Le progettualità che hanno visto le scuole emulare l’attività filantropica e internazionale di Langer sono state molto seguite. Molte altre sono le attività organizzate con la famiglia dei Verdi Europei di cui noi stessi, come Europa Verde Cuneo, facciamo parte.

Nato nel 1946 a Vipiteno e attivo già a 18 anni con la creazione di un gruppo e di una rivista culturale, Alex ha sempre agito secondo il principio morale di costruire ponti e non muri. Dopo alcuni anni di militanza politica con alcune liste di sinistra fu tra i fondatori della Federazione dei Verdi con cui fu anche eletto al Parlamento Europeo. Fondò inoltre la “Fiera delle Utopie Concrete” a Città di Castello, nella quale ogni anno vengono presentate esperienze e soluzioni di conversione ecologica.

Riteniamo che la stretta attualità stia oggi richiamando al quotidiano il suo sguardo sul mondo, sotteso tra il concetto di Europa e quello di Ecologia.

La sua vita, dedicata all’uguaglianza e all’ecologia, e le sue ultime parole “non siate tristi, continuate in ciò che era giusto” sono per noi la spinta a continuare nelle nostre azioni!”.