Quantcast

Bra, 75 i positivi al coronavirus. “I dati indicano una lenta discesa dei contagi” commenta il sindaco

"Non siamo ancora fuori dall’emergenza. Il virus continua a circolare e, a differenza di settimane precedenti, la fascia di età più colpita si sia spostata sotto i 40 anni. E’ fondamentale non allentare le misure di prevenzione, continuando a rispettare con il massimo scrupolo i comportamenti corretti per il contenimento del contagio" le parole del primo cittadino Fogliato

Bra. A giovedì 18 febbraio sono 75 i domiciliati a Bra attualmente positivi al coronavirus.

“I dati indicano una lenta discesa dei contagi e dell’ospedalizzazione rispetto alle scorse settimane (5 i ricoverati all’ospedale di Verduno, di cui 1 in terapia semi-intensiva), ma non siamo ancora fuori dall’emergenza – commenta il sindaco Gianni Fogliato –. Il virus continua a circolare e, a differenza di settimane precedenti, un’elaborazione a livello territoriale evidenzia come la fascia di età più colpita si sia spostata sotto i 40 anni. E’ fondamentale non allentare le misure di prevenzione, continuando a rispettare con il massimo scrupolo i comportamenti corretti per il contenimento del contagio. Questo, anche alla luce della campagna vaccinale in corso che – secondo il piano predisposto a livello territoriale – da domenica inizierà a coinvolgere presso le sedi individuate di Bra e Alba anche i cittadini ultra ottantenni”.

Si ricordano in merito le modalità indicate dall’Asl Cn2: “Le persone con più di 80 anni possono segnalare la loro volontà di ricevere il vaccino al proprio Medico di Medicina Generale, che ne registrerà l’adesione sull’apposita piattaforma regionale.
La Regione, tramite il CSI, provvederà a fissare gli appuntamenti e ad indicare luogo, data e ora della convocazione per la vaccinazione inviando un SMS (si può indicare anche un cellulare/e-mail di un parente o altra persona fidata).
Per i pazienti non autosufficienti che non saranno in condizioni di spostarsi sarà prevista una modalità di vaccinazione a domicilio. La ASL Cuneo 2 costituisce agende vaccinali tutti i giorni dal 21 febbraio in poi sulla base delle dosi di vaccino disponibili: sulle agende così determinate vengono automaticamente inseriti gli appuntamenti comunicati ai cittadini.”