<-- fb verification -->

Vino, Alta Langa Docg: 2 milioni e mezzo di bottiglie da ultima vendemmia

Lo comunica il Consorzio sul proprio sito internet ufficiale, aggiungendo che "produrre Alta Langa è un mestiere da ottimisti, che ci insegna il senso dell'attesa"

I numeri sono letteralmente impressionanti: 40 case associate al Consorzio che producono 70 diverse etichette di Alta Langa Docg; 90 viticoltori; 3 milioni di chilogrammi di uva raccolti dalla vendemmia della scorsa estate su circa 300 ettari di vigneto (1/3 chardonnay, 2/3 pinot nero); 2 milioni e mezzo di bottiglie che vedranno la luce tra non meno di 30 mesi, come prevede il disciplinare, lasciate ad affinare nelle cantine; un valore commerciale di prodotto stimabile circa 100 milioni di euro.

In un anno di incertezze e complessità, il Consorzio Alta Langa ha saputo ripensarsi e scegliere obiettivi ambiziosi, senza perdere il senso della progettualità, del rigore e della forte coesione tra i diversi attori del sistema.

Giulio Bava, presidente del Consorzio, asserisce: “In un periodo con minori occasioni di incontro, le vendite inevitabilmente rallentano, ma l’Alta Langa non teme flessioni. Produrre Alta Langa è un mestiere da ottimisti, che ci insegna il senso dell’attesa. Questo 2020 di difficoltà colpisce relativamente la nostra denominazione, perché i millesimi che abbiamo oggi sul mercato sono quelli del 2015 e 2016 e sono tutti venduti, in quanto la produzione di allora era inferiore al milione di bottiglie”.