Quantcast

Nucleare: nessuna polemica ma il Piemonte ha già dato

“Il problema della scorie nucleari va affrontato, non ci si deve nascondere, la politica dei no a priori non mi è mai appartenuta. Non faccio alcuna polemica, ma non posso non sottolineare che il Piemonte la sua parte l’ha già fatta”: è quanto ha sostenuto il presidente Alberto Cirio

“Il problema della scorie nucleari va affrontato, non ci si deve nascondere, la politica dei no a priori non mi è mai appartenuta. Non faccio alcuna polemica, ma non posso non sottolineare che il Piemonte la sua parte l’ha già fatta”: è quanto ha sostenuto il presidente Alberto Cirio intervenendo al Consiglio regionale aperto convocato per affrontare le ricadute locali della Carta delle aree potenzialmente idonee ad ospitare il deposito nazionale dei rifiuti radioattivi.

Il presidente ha quindi criticato il metodo scelto per la predisposizione del documento: “Il modo in cui si è proceduto è inaccettabile. Ho appreso che Il Piemonte avrebbe moltissimi siti idonei da un’agenzia di stampa. Ma non credo che una valutazione del genere possa essere presa nel chiuso un ufficio romano per poi farcela piovere sulla testa. Non è rispettoso istituzionalmente delle competenze di un sindaco, che è responsabile della salute dei cittadini, e di quelle di una Regione, che ha le competenze in materia ambientale. Queste scelte si devono fare insieme ai territori”.

“Il mio tono non è polemico ma molto fermo”, ha concluso Cirio, assicurando che “come Regione ci faremo garanti perché la vita dei territori possa giungere nei palazzi dove si decide. Perché qui sono in gioco la vita, la salute e il futuro del Piemonte”.

L’assessore agli Affari legali Maurizio Marrone ha anticipato che proporrà alla Giunta “che la Regione faccia proprie le osservazioni dei Comuni interessati, raccogliendole in una nota formale da mandare a Roma, così da essere nelle condizioni di poter muovere l’Avvocatura regionale qualora la Carta nazionale delle aree idonee non tenga conto, ancora una volta arbitrariamente, delle ragioni dei territori in difesa delle proprie eccellenze enogastronomiche e ambientali”.