Quantcast

Le Alpi del Mediterraneo dopo la tempesta Alex

Dopo l'evento che ha causato danni enormi e per la cui risoluzione ci vorranno anni, nell'ambito del Piano integrato territoriale (PITER) AlpiMed è stata raccolta la testimonianza di come gli abitanti e gli operatori di vari settori economici dell'area transfrontaliera stanno affrontando la drammatica situazione.

Il 2 e 3 ottobre 2020, il territorio delle Alpi del Mediterraneo è stato colpito da piogge di intensità e violenza inedite che hanno sconvolto le vallate italiane e francesi.
Dopo questo evento che ha causato danni enormi e per la cui risoluzione ci vorranno anni, nell’ambito del Piano integrato territoriale (PITER) AlpiMed è stata raccolta la testimonianza di come gli abitanti e gli operatori di vari settori economici dell’area transfrontaliera stanno affrontando la drammatica situazione.

Generico gennaio 2021

I racconti dei protagonisti sono stati organizzati in quattro video tematici per la presentazione all’incontro “L’intermezzo: Settimana Alpina 2020” programmato a Nizza (Francia) dal 9 all’11 dicembre ma che a causa della pandemia si è svolto on line. L’evento internazionale si svolge ogni quattro anni ed è organizzato congiuntamente dalle più importanti organizzazioni delle Alpi – tra le molte: Wwf, Cipra, Convenzione delle Alpi, Caf…) che si dedicano allo sviluppo sostenibile e alla protezione della montagna.

  • Resilienza di fronte al cambiamento climatico : “Agricoltura”
  • Resilienza di fronte al cambiamento climatico : “Turismo”
  • Resilienza di fronte al cambiamento climatico : “Mobilità”
  • Resilienza di fronte al cambiamento climatico : “La gente dei territori colpiti dall’alluvione”

 

I video sono stati realizzati dalla Métropole Nice Côte d’Azur e cofinanziati dal Programma Interreg V-A Alcotra 2014 – 2020 Piano integrato territoriale (PITER) AlpiMed.