Quantcast

Ivermectina, farmaco efficace contro il Coronavirus? Test in corso, i ricercatori: “Serve cautela”

Si tratta nello specifico di un antiparassitario già impiegato in passato nella lotta contro le malattie tropicali gravi

Più informazioni su

Se da un lato la campagna di vaccinazione contro il Coronavirus prosegue, malgrado i ritardi nelle consegne da parte di Pfizer, in campo medico-scientifico la ricerca non rallenta e procede a pieno ritmo per individuare uno o più farmaci in grado di sconfiggere il virus.

In tal senso, si sono registrati nelle ultime ore sviluppi interessanti per quanto concerne l’Ivermectina, un antiparassitario che è già stato utilizzato per curare malattie tropicali gravi. Lo riferisce il quotidiano “Il Messaggero”, che cita una ricerca pubblicata pochi giorni fa sulla rivista Antiviral Research, secondo cui l’ivermectina neutralizzerebbe nel giro di 48 ore dalla comparsa l’infezione da Covid sulle cellule.

L’università di Liverpool ha dimostrato come, con la sua somministrazione, siano diminuiti i ricoveri in ospedale, con tassi di sopravvivenza superiori all’83%. “L’efficacia deve essere convalidata in studi randomizzati più ampi – affermano con prudenza i ricercatori –, prima che i risultati siano sufficienti per la revisione da parte delle autorità di regolamentazione”.

Anche gli esperti dell’IRCCS Sacro Cuore Don Calabria a Negrar di Valpolicella si sono interessati all’Ivermectina e, secondo i test condotti, essa sarebbe efficace nel ridurre la carica virale del 99,99% in 48 ore in cellule coltivate in vitro infettate da SARS-CoV-2.

Più informazioni su